Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Bisturi? No grazie, luce e cosmetici sono il duo antietà

di
Pubblicato il: 12-12-2018

Bisturi? No grazie, luce e cosmetici sono il duo antietà © iStock

Sanihelp.it - La tecnologia incontra la cosmetologia e nascono nuovi strumenti per contrastare l’invecchiamento. Il bisturi non è più così necessario, grazie alle laserterapie emergenti che sono diventate un ottimo alleato per il ringiovanimento della pelle. «Il laser ablativo è un tipo di laser che eroga una notevole potenza anche attraverso differenti lunghezze d’onda con lo scopo di rimuovere il tessuto con cui viene a contatto - spiega il professor Leonardo Celleno, dermatologo e  presidente di Aideco (Associazione Italiana Dermatologia Cosmetologia) - Il suo uso viene diversificato dalle differenti lunghezze d’onda per il tempo di emissione dell’energia: questo permette di colpire, in maniera selettiva, alcune lesioni il cui colore viene bene intercettato da quella specifica lunghezza d’onda che si è utilizzata.

Mentre il tempo talora brevissimo di esposizione non permette la diffusione del calore alla cute circostante le lesioni da trattare (ablativo), altre volte il laser viene utilizzato per veicolare una quantità di energia (non ablativo) non sufficiente a distruggere il tessuto su una specifica struttura della cute, con lo scopo di stimolare i tessuti colpiti. Alcuni esempi possono essere il laser che viene utilizzato per le ulcere venose delle gambe o il laser che si usa per stimolare la ricrescita dei capelli.

Le apparecchiature laser moderne sono strumenti molto duttili e oggi trovano applicazioni in numerosi e differenti campi. Ciò che si chiede a un cosmetico è ben diverso da quello che viene richiesto a un trattamento laser, perché il compito del primo è quello di ripristinare e mantenere il buono stato fisiologico della pelle, interagendo con essa attraverso un apporto quotidiano di sostanze che promuovono e preservano i meccanismi fisiologici della cute. Quindi questo tipo di trattamento non può essere sostituito da un cosmetico. Grazie a procedure laser mini-invasive, veloci e indolori si possono trattare gli effetti del trascorrere del tempo anche sui tessuti dell’apparato genitale femminile, rigenerando la mucosa vaginale, riducendo la lassità dei tessuti e ripristinandone la funzionalità.
 
È importante perché, soprattutto nel periodo intorno e dopo la menopausa, un’alta percentuale di donne lamenta problemi legati ad alterazioni del trofismo vaginale: atrofia, riduzione del flusso ematico e delle secrezioni, diminuzione dei lattobacilli e del glicogeno con conseguente aumento del pH vaginale, correlata maggiore frequenza di infezioni batterico-micotiche, con bruciori, irritazioni, prurito e altre conseguenze. Le moderne tecniche mininvasive della chirurgia estetica consentono oggi di rimodellare e ringiovanire i genitali esterni femminili e vivere la propria sfera sessuale con più serenità.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Aideco

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: