Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Asciugamani e lenzuola: si cambiano spesso, anche d'inverno

di
Pubblicato il: 02-01-2019

Asciugamani e lenzuola: si cambiano spesso, anche d'inverno © iStock

Sanihelp.it - Il cambio della biancheria deve essere effettuato con costanza, poiché asciugamani e lenzuola sono i rifugi preferiti dai germi e batteri. Capita spesso che più membri della famiglia utilizzino lo stesso asciugamano da bagno: ciò favorisce l’accumulo di cellule morte e germi che passano da un individuo all’altro, agevolando la proliferazione di alcune infezioni batteriche. Stessa condizione si verifica sugli asciugami utilizzati in cucina che vengono contagiati da germi contenuti in carne o presenti su frutta e verdura.

Prestare attenzione a questi gesti quotidiani è fondamentale per mantenere la corretta igiene personale dell’intero nucleo familiare. Lo Staphylococcus aureus, per esempio, è una delle principali conseguenze delle disattenzioni igieniche in famiglia, un microbo che può essere facilmente debilitato ma che, se non trattato, può incentivare lo sviluppo di patologie severe.

A essere più vulnerabili all’attacco di questo microbo sono anziani e bambini, che in caso di difese immunitarie deboli possono contrarre patologie anche serie come la sindrome della pelle pseudo ustionata (diffusa tra gli infanti) che si manifesta con desquamazioni in diversi parti del corpo o la sindrome da shock tossico, che colpisce a livello cutaneo causando anche disturbi gastrointestinali. I sintomi più comuni dello Staphylococcus aureus sono invece infezioni cutanee come foruncoli, ascessi, gastroenterite e intossicazione alimentare. La cura consiste in terapie antibiotiche o drenaggio dell’infezione.

Che si tratti di bagno, cucina o camera da letto, importante è seguire il buon senso e cambiare asciugamani e lenzuola in base alle proprie abitudini ed esigenze dermatologiche. Prima regola tra tutte è dotare ogni membro della famiglia del proprio asciugamano: in questo caso si mettono al riparo dal potenziale contagio di Staphylococcus aureus anche i bambini. I microbiologi sostengono che un asciugamano per le mani dovrebbe essere cambiato dopo 3 utilizzi, soprattutto se viene collocato in un luogo tendenzialmente umido, mentre l’asciugamano da bidet dovrebbe essere cambiato addirittura con più frequenza, dato che viene a contatto diretto con le parti intime.

Non aspettate che l’asciugamano cominci a emanare un odore sgradevole per effettuare il cambio, perché vuol dire che l’intera superficie della biancheria da bagno è diventata colonia di microbi e sporco. Per mantenere l’igiene quotidiana di tutta la casa è importante lavare asciugamani e lenzuola a 60 gradi in lavatrice con l’aggiunta di un antibatterico. Prevedete inoltre un asciugamano per il viso, uno per il bidet e un accappatoio per la doccia e sostituirli in base alla frequenza di utilizzo. Se si esegue la doccia tutti i giorni, sarà necessario effettuare il cambio di biancheria a distanza ravvicinata. Mantenendo gli asciugamani a esclusivo uso personale le percentuali di contrarre infezioni causate dallo Staphylococcus aureus sono minime. Il contagio infatti avviene solamente se si condivide la biancheria con altri individui.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Antonino Di Pietro

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: