Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dermatite atopica: peggiora d'inverno, sì alle cure termali

di
Pubblicato il: 07-02-2019

Dermatite atopica: peggiora d'inverno, sì alle cure termali © iStock

Sanihelp.it - Inquinamento e freddo, un binomio stressante per la salute della pelle, particolarmente difficile per quella soggetta a dermatite atopica. Ritenuta da sempre prevalente e caratteristica dell’infanzia – 15/20% dei bambini ne soffrono - risulta oggi molto frequente anche negli adulti. Dati recenti dimostrano, infatti, che è in aumento con l’età. La conferma viene da uno studio condotto su più di 600mila individui e appena pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

La prevalenza negli adulti risulta superiore al 5%, ma il dato è sottostimato poiché i casi più lievi non risultano documentati e un’autodiagnosi porta ad affidarsi a farmaci da banco. È sempre più evidente che la dermatite atopica ha un impatto significativo sulla qualità della vita dal punto di vista emotivo oltre che fisico, ma nonostante questo in molti casi non viene trattata.

Il sintomo principale è il prurito, dovuto ad alterazioni della barriera epidermica e un’alterata risposta infiammatoria, entrambe con un’importante impronta genetica. Poi ci sono fattori di rischio ambientali noti, tra cui l’uso di un’acqua dura (calcarea), che disidrata la pelle e richiede una quantità maggiore di detergente, peggiorando il problema, vivere in ambienti troppo secchi o troppo umidi, essere esposti all’inquinamento.

La dermatite atopica interferisce con lo studio, la concentrazione, il sonno, l’aspetto psicologico. È risaputo che la dermatite atopica rappresenta la prima tappa della marcia atopica, quella consecuzione di malattie di cui la dermatite è la prima a manifestarsi. Non è una malattia allergica ma predispone all’allergia. Curarla vuol dire quindi ridurre le probabilità che si sviluppino allergie, asma e rino-congiuntivite.

In questo contesto la cura termale è una terapia interessante poiché è priva di effetti collaterali. Non prevede l’impiego di farmaci. Le acque sulfuree sono quelle specifiche, come già lungamente dimostrato per le patologie infiammatorie respiratorie. La presenza di idrogeno solforato nell’acqua di Terme di Sirmione contribuisce ad aumentare l’azione antinfiammatoria e antiossidante.La dimostrazione che l’idrogeno solforato è in grado di aumentare la produzione endogena di interleukina 10, uno dei più potenti antinfiammatori naturali, spiega l’efficacia dell’azione antinfiammatoria delle acque sulfuree in molte patologie cronico degenerative che interessano le mucose e la pelle. Lo zolfo, inoltre, svolge un’azione anti-seborroica, esfoliante, anti-micotica e anti-batterica naturale che rende l’acqua termale di Sirmione indicata anche nelle pelli grasse e soggette ad acne.

Le azioni benefiche dell’acqua sulfurea salsobromoiodica vengono massimizzate nella balneoterapia. A questa può essere associata la fototerapia con raggi ultravioletti a banda stretta. Sotto la guida dell’equipe dermatologica, i protocolli di terapia termale, con finalità preventiva delle riacutizzazioni della malattia, prevedono due cicli all’anno. I benefici sono evidenti soprattutto sulla sintomatologia: riduzione del prurito e delle chiazze eritemato-desquamative grazie all’azione lenitiva ed eutrofizzante e normalizzatrice della pelle.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Terme di Sirmione

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: