Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sclerosi multipla: più interferone beta 1-A aumenta i benefici

di
Pubblicato il: 10-06-2005
Sanihelp.it - L'aumento di dose e frequenza di somministrazione di Interferone Beta 1-a, in pazienti affetti da Sclerosi Multipla Recidivante-Remittente (SMRR), determina una significativa riduzione delle ricadute cliniche e dell'attività della malattia alla Risonanza Magnetica.

Questo è il principale risultato dell'estensione dello Studio EVIDENCE recentemente pubblicato sulla rivista Archives of Neurology. L'estensione era finalizzata a mettere in luce gli effetti prodotti dal cambiamento di trattamento da Avonex, somministrato intramuscolo, una volta a settimana nel dosaggio di 30 microgrammi, a Rebif, somministrato sottocute 3 volte a settimana nel dosaggio di 44 microgrammi.

In particolare è emerso che i pazienti trattati prima con Avonex e poi con Rebif hanno ottenuto una riduzione relativa del 50% del tasso delle ricadute, rimanendo liberi da riacutizzazioni della malattia nell'81% dei casi. Inoltre i pazienti che hanno incrementato dosi e frequenza di trattamento, hanno infatti presentato una percentuale di lesioni attive minore rispetto a quella che avevano prima del passaggio a Rebif.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti