Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Come affrontare la fame nervosa

Fame nervosa, cos'è e come gestirla

di
Pubblicato il: 05-03-2019

La fame nervosa o emotiva è il termine utilizzato dagli esperti per indicare quella tendenza a utilizzare il cibo come strategia per fronteggiare eventi stressanti.


Fame nervosa, cos'è e come gestirla © iStock

Sanihelp.it - Il nostro comportamento alimentare può essere influenzato dalle emozioni che proviamo. L’ansia, la tristezza, la noia, l’insoddisfazione, la rabbia o lo stress possono aumentare l’appetito, soprattutto verso i dolci e i cibi ricchi di grassi. Questo succede quando il cibo diventa una sorta di valvola di sfogo contro frustrazioni o delusioni o come lenitivo di stati dolorosi.

Usare il cibo come riempitivo di mancanze è una soluzione facile dopotutto, ma non è sicuramente quella più utile, tanto meno salutare. Il cibo non è un tappabuchi e non aiuta risolvere i problemi, anzi, aggiunge una zavorra in tutti i sensi.

Per affrontare la fame nervosa il primo passo è essere consapevoli. È utile, infatti, quando quali circostanze e stati d’animo precedono gli attacchi di fame emotiva e quali disagi o tensioni alleviano. Se ad esempio ti rendi conto di mangiare ogni volta che qualcuno ti fa sentire sbagliato o inadeguato, vuol dire solo una cosa: stai usando il cibo come conforto.

La base di partenza, dunque, sono sempre le nostre emozioni. A tal proposito può essere utile registrare annotando su una scheda il cibo che si consuma quotidianamente e le sensazioni fisiche e gli stati emotivi nel momento in cui si mangia. In questo modo, non solo apparirà evidente la differenza tra fame biologica e fame emotiva, ma si lavorerà sulle emozioni che precedono gli attacchi di fame nervosa.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
PsychologyToday.com

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno:

Ti potrebbe interessare: