Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un figlio da sola: l'86% delle monofamiglie poggia su di lei

di
Pubblicato il: 11-03-2019

Un figlio da sola: l'86% delle monofamiglie poggia su di lei © iStock

Sanihelp.it - Nel 1983 erano meno di mezzo milione, nel 2005 non superavano le 600mila unità. Oggi sono un milione e 34mila. Il fenomeno dei nuclei monogenitoriali italiani, fotografato dall’Istat, è in costante aumento e riflette i cambiamenti socioculturali in atto. Un sesto delle famiglie italiane è composto da un genitore solo e da un figlio minore, nell’86,4% il genitore è la donna.

Sono quasi 900mila in Italia le donne sole con un figlio, contro i 141mila nuclei con padre single. Alcune sono separate o divorziate, una percentuale sempre maggiore sceglie lo stato di madre single. Negli ultimi anni è quadruplicato il numero di donne senza un partner maschile che hanno avuto accesso alle tecniche di riproduzione assistita. Le statistiche elaborate da Institut Marquès raccontano che a Barcellona un trattamento su 5 è realizzato da donne sole.

«Le madri sole hanno un profilo specifico: sono single per scelta, hanno un’età compresa tra i 30 e i 45 anni e un livello di istruizione elevato e/o un lavoro qualificato - spiega la dottoressa Marisa López-Teijón, direttrice di Institut Marquès - Optano volontariamente per la monogenitorialità perché non hanno trovato il giusto partner o per ragioni legate alla sfera professionale. Costituiscono l'unica fonte di reddito della famiglia, con un potere di acquisto affidabile. Riescono a conciliare la professione con l’educazione del figlio, perchè risiedono vicino alla famiglia d’origine o perché gestiscono agevolmente la vicinanza scuola/lavoro. Ma soprattutto sono donne indipendenti, con un grande equilibrio emotivo, sicure, con grande spirito di iniziativa: incarnano una nuova espressione della maternità come progetto di autorealizzazione.

Anche se potrebbe sembrare una scelta difficile, le mamme single possono contare sul sostegno della società: il 92% della popolazione accetta le donne che hanno figli senza un partner stabile. Un tempo avere figli era un obbligo, un destino ineludibile. Nessun’altra opzione era contemplata: matrimonio e maternità definivano l’accettazione sociale di ogni donna. In alcune culture queste convinzioni sono dure a morire, eppure qualcosa sta cambiando». 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Institut Marqus

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno:

Ti potrebbe interessare: