Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Bimbi e sport: documento sancisce ruolo chiave del pediatra

di
Pubblicato il: 27-03-2019

Bimbi e sport: documento sancisce ruolo chiave del pediatra © iStock

Sanihelp.it - Valutare le condizioni di salute psicofisica, effettuare un costante monitoraggio e sensibilizzare le famiglie. Sono i tre principali compiti che il pediatra di famiglia deve svolgere quando assiste un bambino o adolescente che pratica regolarmente esercizio fisico. È quanto sostengono le nuove Linee di indirizzo sull’attività fisica per le differenti fasce d’età recentemente pubblicate dal Ministero della Salute. Il documento è stato redatto da un Tavolo di lavoro istituito presso la Direzione generale della Prevenzione sanitaria e approvate in Conferenza Stato-Regioni. Alla stesura ha contribuito la Federazione Italiana Medici Pediatri: un documento importante nel quale viene ribadito il ruolo fondamentale del pediatra di libera scelta.

Il nostro Paese ha bisogno di promuovere l’attività fisica tra i giovanissimi. Il 18% dei bambini pratica sport per non più di un’ora a settimana. I pediatri desiderano essere in prima linea per contrastare la sedentarietà infantile, un grave e sottovalutato problema di salute. Con questo documento, al pediatra viene riconosciuto il compito di assistere i giovanissimi che praticano sport attraverso controlli periodici e valutare le condizioni di salute psicofisica del bambino e dell’adolescente prima di cominciare una pratica dell’esercizio fisico.

Il monitoraggio deve poi proseguire col passare del tempo per valutare gli effetti di queste attività sulla salute. Infine è importante sensibilizzare, motivare e sostenere la famiglia sui vantaggi dell'esercizio fisico regolare sotto forma di attività ludiche o sport, anche informando su quali possono essere le opportunità di praticarlo e indicando professionisti e strutture qualificate.

Le nuove Linee sottolineano la rilevanza dell’attività fisica per la popolazione generale e la necessità che tutti pratichino attività fisica, soprattutto integrata nella vita quotidiana. Il documento, coerentemente con gli obiettivi del Piano d’azione globale sull'attività fisica per gli anni 2018-2030 di recente approvato dall’OMS ribadisce anche per l'Italia, la validità dell’approccio strategico. Questo deve tenere in considerazione tutti i fattori che influenzano lo stile di vita e mira a realizzare azioni efficaci di promozione della salute in un’ottica intersettoriale e di approccio integrato. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Federazione Italiana Medici Pediatri

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno:

Ti potrebbe interessare: