Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenire le crisi di emicrania con aura con un nutraceutico

di
Pubblicato il: 04-06-2019

Prevenire le crisi di emicrania con aura con un nutraceutico © iStock

Sanihelp.it - Una speciale sessione del IX Congresso Nazione della SINuT (Società Italiana di Nutraceutica) è stata dedicata all’utilizzo dei nuovi nutraceutici nella cura di disturbi neurologici  quali l’emicrania con aura.  

I nutraceutici, sono quei principi nutrienti contenuti negli alimenti che hanno effetti benefici sulla salute, sono sempre più utilizzati per la prevenzione e il trattamento di molte condizioni e patologie. Un prodotto a base di Partenio, 5idrossi-triptofano derivato dalla Griffonia e Magnesio, si è rivelato efficace per prevenire le crisi di aura emicranica e contrastare la cefalea che quasi sempre la segue.

L’aura emicranica si manifesta con fenomeni visivi (flash, scotomi, offuscamento della vista), formicolii, e a volte difficoltà nel trovare le parole (afasia).

Questi sintomi possono durare da pochi minuti fino a un’ora o più e lasciare una forte sensazione di disagio e spossatezza anche nelle 24 ore successive.

Gli specialisti e i pazienti hanno oggi a disposizione un nutraceutico che si è dimostrato estremamente efficace nel ridurre la frequenza, l’intensità e la durata degli episodi non solo dell’aura ma anche dell’emicrania che ne segue.

Durante il congresso sono stati presentati i dati emersi da uno studio condotto in Lombardia da 9 Centri Cefalea delle principali città Lombarde appartenenti alla Società Italiana Studio delle Cefalee (SISC) su oltre 200 pazienti e pubblicato sull’International Journal of Neurology and Brain Disorders.

«L’utilizzo del prodotto in questione determina una drastica riduzione degli episodi di aura nella quasi totalità dei casi - afferma il dott. Giorgio Dalla Volta, del Comitato Direttivo della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC), Direttore del Centro Cefalee della Clinica Città di Brescia e relatore della sessione dell’evento bolognese -. La durata dell’aura è ridotta di più del 50% mentre il grado di disabilità è stato ridotto addirittura a un terzo. Quando si manifesta, l’aura è davvero un evento traumatico e scioccante. I pazienti, nei casi più eclatanti, sono convinti di essere colpiti da un ictus o da una altra grave malattia cerebro-vascolare. E questa percezione errata avviene nonostante il disturbo si ripresenti più volte nel corso dell’anno, a volte anche solo a distanza di pochi giorni. Il trattamento con il nutraceutico è privo di controindicazioni ed effetti collaterali e può così ridare una buona qualità di vita a chi lo assume».

«Dobbiamo ricordare che ad oggi non esiste nessuna molecola in commercio che sia stata progettata per bloccare l’aura. Fino a ora noi clinici non avevamo presidi specifici per trattarla e potevamo solo contrastare la crisi alla comparsa dell’eventuale dolore emicranico con la somministrazione di farmaci analgesici o triptani. Adesso grazie a questo nutraceutico possiamo bloccare all’inizio l’insorgenza dell’aura e la conseguente crisi elettrica che avviene a livello celebrale. Possiamo inoltre evitare, a un paziente su tre, la comparsa del dolore successivo e a chi compare ridurne l’intensità e rendere più efficace l’eventuale ricorso all’analgesico abituale, come evidenziano i risultati dello studio».

«Al Partenio, 5-HTP da Griffonia e Magnesio, è stata riconosciuta dalle Società Scientifiche italiane ed internazionali un’efficacia clinica nella prevenzione dell’emicrania» aggiunge Dalla Volta. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SINuT

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno: