Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Terapie alternative

Stimolazione magnetica transcranica, cos'è e a cosa serve

di
Pubblicato il: 18-06-2019

Come aiutare la nostra mente e il cervello a stare meglio senza effetti collaterali e con una grande efficacia


Sanihelp.it - Esistono ormai tantissime terapie alternative che si utilizzano per i disturbi più disparati. Una di queste, forse ancora poco conosciuta, è la stimolazione magnetica transcranica.

Negli Stati Uniti questa terapia è stata addirittura riconosciuta dalla FDA come forma di terapia che potrebbe aiutare a ridurre le depressioni di media entità, ed è proprio per questo tipo di disturbi che spesso la stimolazione magnetica transcranica viene proposta.

Sembra, infatti, che chi vi si sia sottoposto abbia potuto ridurre notevolmente l’uso di antidepressivi, ed è un tipo di trattamento che viene consigliato anche a chi soffra di schizofrenia.

Ma come funziona, in concreto, questo trattamento?

La stimolazione magnetica transcranica è una forma di stimolazione non invasiva del cervello, nella quale si utilizzano degli impulsi ripetitivi simili a quelli della risonanza magnetica. Infatti, si eseguirà utilizzando proprio dei magneti che verranno applicati sulla pelle del cuoio capelluto.

In sostanza, quindi, questo trattamento riuscirebbe a normalizzare e a stimolare le cellule cerebrali in molte aree del cervello, soprattutto quelle che siano ormai associate alla presenza di problemi come la depressione e altri disturbi simili.

Inoltre, questo tipo di stimolazione non comporta gli effetti collaterali delle terapie mediche, e non induce neppure sintomi come lo svenimento oppure gli attacchi epilettici, spesso presenti in chi si sottoponga a particolari terapie per tali disturbi.

Quali sono, a questo punto, i disturbi per i quali questo trattamento si potrà applicare?

Esistono molti disturbi per i quali la stimolazione magnetica transcranica si potrà utilizzare, e tra questi sicuramente spiccano i seguenti:

·       Disturbi depressivi

·       Disturbo bipolare

·       Disturbi d’ansia

·       Schizofrenia

·       Morbo di Parkinson

·       Dipendenze

·       Disturbo da stress post traumatico

·       Emicrania

·       Disturbi dell’alimentazione

Per trovare, in Italia, un centro nel quale si pratichi questa terapia sarà possibile consultare l’elenco dei luoghi accreditati sul sito www.rtmsitalia.it.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
RTMS Italia

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?