Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Colesterolo e alimentazione

Il colesterolo si abbassa grazie alla soia

di
Pubblicato il: 04-07-2019

Il colesterolo si abbassa grazie alla soia © iStock

Sanihelp.it - Il colesterolo è un lipide che si trova in ciascuna cellula del nostro organismo; viene utilizzato nel corso del processo digestivo, per la produzione di ormoni e nella generazione di vitamina D. Si tratta pertanto di una sostanza importantissima per il benessere del nostro corpo, a tale scopo è necessario, tuttavia, che esso sia presente a livelli adeguati. Quando dunque si ha a che fare con il colesterolo alto è necessario intervenire per abbassarlo, giacche quando è presente in grandi quantità il colesterolo si configura come un fattore di rischio in grado di portare a malattie anche gravi come ictus e infarto. A tale scopo solitamente vengono impiegati farmaci specifici, ma un grande aiuto può venire anche da un'adeguata alimentazione.

Proprio in merito all'importanza degli alimenti, uno studio recente ha messo in evidenza quanto la proteina della soia sia utile ad abbassare il colesterolo, riducendo il rischio di molte malattie cardiache. A questa conclusione si è giunti grazie ad un'ampia mea-analisi di 47 trial clinici effettuati sul tema,  condotta da un team di ricercatori dell'Università di Toronto è pubblicata sul Journal of the American Heart Association. Nel corso di questa maxi revisione,  ciascuna sperimentazione ha mostrato come il consumo di proteine della soia si associ ad un abbassamento del colesterolo, sia di quello buono sia di quello cattivo.

È tuttavia importante precisare che la soia da sola riduce il colesterolo entro una percentuale non superiore al 5%, ma se ad essa si aggiunge il consumo gli altri alimenti di origine vegetale già noti per la loro capacità di ridurre il colesterolo -  frutta secca e cibi contenenti fibre e altre proteine vegetali - si raggiunge un effetto complessivo notevole: una riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare del 30%. In alta considerazione va tenuta particolarmente la frutta secca che, ricca di omega 6 e di acidi grassi polinsaturi di origine vegetale, possiede una forte capacità di riduzione del colesterolo cattivo. Il consiglio è dunque quello di consumare regolarmente noci, nocciole, mandorle o pistacchi.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of the American Heart Association

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno: