Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Occhi: l'importanza di proteggerli dal sole

di
Pubblicato il: 08-07-2019

Occhi: l'importanza di proteggerli dal sole © iStock

Sanihelp.it - Con l’arrivo dell’estate è particolarmente importante proteggere gli occhi, soprattutto quelli dei bambini estremamente più fragili: per essere sempre allerta è possibile scaricare l’App Sole Amico realizzata da Cosmetica Italia e Commissione Difesa Vista ( CDV) per fornire consigli sulla corretta esposizione al sole, proteggendo in modo adeguato gli occhi e la pelle.

L’app fornisce consigli personalizzati per tutta la famiglia, in base al fototipo, al colore degli occhi e alle condizioni climatiche (luogo, ora e raggi UV). 

Per proteggersi dal sole esistono diversi tipi di lenti, in particolare le lenti fotocromatiche disponibili in svariati colori.

Per i soggetti miopi, per esempio, sono indicate le lenti con frequenza marrone mentre per gli ipermetropi sono indicate lenti di colore verde-grigio.

Sono inoltre disponibili lenti che diventano scure anche in auto, per una guida in sicurezza.

«La lente scura non basta di per sé per riparare l’occhio dalla luce, infatti è importante considerare le diverse frequenze di luce. Gli occhiali da sole è importante che abbiano lenti che possano abbattere una frequenza di luce, blu o ultravioletto. Ad esempio in montagna queste frequenze sono abbastanza alte». Spiega Francesco Loperfido consulente della Commissione Difesa Vista Onlus e responsabile del Servizio di Oftalmologia Generale dell’Ospedale San Raffaele di Milano aggiungendo che «la luce blu che sembra imputata a determinare nel tempo maculopatia la si trova anche nella luce artificiale a led e negli smartphone». 

In generale l’utilizzo degli occhiali da sole è ancora molto limitato, infatti si concentra nelle fasce dai 25 ai 54 anni, per poi decrescere fino a interessare meno del 50% tra gli over 64enni e tra i più giovani. 

Mentre tra i giovani con difetti visivi l’uso degli occhiali da sole è molto contenuto (15%-20%), a partire dai 45 anni l’uso è prevalente proprio tra la popolazione con difetti visivi; tra chi non ha difetti visivi si nota infatti un crollo dell’utilizzo degli occhiali da sole nella popolazione dai 55 anni in su.

Si conferma la correlazione tra il basso utilizzo di occhiali da sole e il livello di istruzione.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
CDV

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno:

Ti potrebbe interessare: