Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Parto

Che cos'è l'hypnobirthing scelto da Meghan e Kate

di
Pubblicato il: 06-08-2019

Entrambe le mogli dei figli di Lady Diana hanno scelto di dare alla luce i figli seguendo la tecnica anglosassone dell'hypnobirthing. Ecco di cosa si tratta.


Che cos'è l'hypnobirthing scelto da Meghan e Kate © iStock

Sanihelp.itL’hypnobirthing è una tecnica anglosassone finalizzata a ridurre la paura del parto, trasformandolo in un’esperienza positiva e riducendo il dolore ad esso associato. Non è una vera e propria novità: nato negli Stati Uniti è stato già da diversi anni esportato anche in Europa e persino in Italia non mancano corsi dedicati, anche se per lo più eseguiti privatamente.

Eppure proprio negli ultimi mesi se ne è parlato molto. Il motivo è semplice: Meghan Markle ha scelto di partorire il piccolo Archie con l’aiuto di questa tecnica. E anche se alcuni ne hanno parlato come del primo caso all’interno della famiglia reale, sembra proprio che anche Kate Middleton vi abbia fatto ricorso. E le reali inglesi non sarebbero le uniche celeb: come loro avrebbero fatto anche Angelina Jolie, Jessica Alba e  Gisele Bündchen, solo per citarne alcune.

In pratica, l’hypnobirthing combina tecniche di autoipnosi, respirazione, rilassamento, e visualizzazioni e affermazioni positive sul parto, che la gestante apprende, sotto la guida di uno psicoterapeuta appositamente formato, durante la gravidanza e che, una volta in sala parto, potrà mettere in pratica da sola.

Niente pendoli: la donna resta vigile e cosciente, ma rilassata. E il rilassamento profondo raggiunto permette il rilascio di endorfine, che hanno un’azione antidolorifica, e di ossitocina, l’ormone che incoraggia le contrazioni. Ciò non significa che il travaglio diventa completamente indolore, ma può essere affrontato in maniera più semplice e veloce.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.thesun.co.uk

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno: