Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

La dieta mediterranea scioglie il grasso stipato nel fegato

di
Pubblicato il: 01-10-2019

La dieta mediterranea scioglie il grasso stipato nel fegato © iStock

Sanihelp.it - Una ricerca condotta presso l’Università Federico II di Napoli dimostra che a essere vincente contro la steatosi epatica è una dieta multifattoriale, ricca in carboidrati a basso indice glicemico (cereali integrali e legumi), acidi grassi monoinsaturi (olio d’oliva), acidi grassi omega 3 e omega 6 (presenti nel pesce e nella frutta secca a guscio), vitamine e polifenoli (presenti in frutta, verdura, tè, caffè).

Questo approccio dietetico, tipico della dieta mediterranea, può portare a una riduzione del 40% del grasso accumulato nel fegato. Un risultato importante, visto che per questa condizione non esiste ancora una terapia farmacologica. La steatosi epatica non alcolica (l’accumulo di grasso nel fegato) è presente nel 70% degli individui con diabete tipo 2, nei quali può associarsi a forme più severe di danno epatico e a un’aumentata prevalenza di patologie cardiovascolari. Diverse componenti della dieta possono influenzare il contenuto epatico di grasso. 

Il gruppo di ricerca napoletano ha dimostrato come una dieta ricca in acidi grassi monoinsaturi, presenti nell’olio d’oliva, riduce il contenuto epatico di grasso nei malati di diabete tipo 2. Scarse evidenze o risultati contrastanti si hanno invece sull’effetto di altre singole componenti della dieta, come carboidrati a basso indice glicemico, acidi grassi omega 3 e omega 6, vitamine e polifenoli sul contenuto epatico di grasso.

Al termine delle 8 settimane di intervento, la dieta multifattoriale ha determinato una riduzione di grasso epatico maggiore rispetto alla dieta ricca in olio extravergine d’oliva. In termini di riduzione percentuale, la dieta multifattoriale ha indotto una riduzione del 40% di grasso epatico rispetto al 19% di riduzione indotto dalla dieta ricca in olio extravergine d’oliva. Questi risultati evidenziano come una dieta multifattoriale possa indurre una riduzione clinicamente rilevante di grasso epatico, potendo rappresentare un’opzione nutrizionale di prima scelta per il trattamento della steatosi epatica nel diabete tipo 2, per la quale a oggi non è stato approvato ancora nessun farmaco.

I risultati dello studio sono stati raggiunti con cibi naturali, tipici della maggior parte delle abitudini gastronomiche e senza alcun tipo di supplemento. Inoltre, l'ottima aderenza dei partecipanti mostra che questo tipo di dieta è fattibile e facilmente accettabile.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Effetti di una dieta portfolio naturalmente ricca in diversecomponenti nutrizionali sul contenuto epatico di grasso in pazienti con diabete tipo 2: uno studio randomizzato-controllato di 8 settimane

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno: