Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cure alternative

Metodo Trager, per dire addio al dolore

di
Pubblicato il: 01-10-2019

Un approccio che consente di eliminare le tensioni fisiche e mentali, evitando che si ripresentino


Metodo Trager, per dire addio al dolore © iStock

Sanihelp.it

Convivere con il dolore, con il disagio e con le difficoltà motorie può essere davvero dura.

Per questo motivo, le persone che soffrono di disturbi di questo tipo cercano metodi grazie ai quali riprendere in mano la propria vita senza, però, dover sopportare i pesanti effetti collaterali che, ad esempio, si presentano all’uso dei farmaci.

Un approccio davvero innovativo può essere quello di Trager. Il Trager Approach, chiaamto anche Trager Work, si riferisce ad una serie di tecniche che integrano tra loro mente e corpo.

La terapia è stata sviluppata dal dottor Milton Trager, conquistando sostenitori in tutto il mondo.

Lo stesso Trager, infatti, soffriva di dolori cronici alla schiena, e per risolverli in modo non traumatico per il corpo ha iniziato a studiare quali potessero essere i sistemi alternativi alla medicina tradizionale.

Così è nato il suo metodo, che si basa sul presupposto per il quale il dolore e il fastidio a livello fisico sono il risultato di tensioni che sono state accumulate o causate da incidenti, una postura errata, blocchi emozionali, e molto altro.

Questo approccio, quindi, si focalizza soprattutto sulla riduzione dei percorsi innaturali del movimento per eliminare la tensione a livello neuromuscolare.

Per farlo, nell’approccio Trager si utilizzano piccoli movimenti ritmici che, ripetuti con metodicità, possono portare a rilassare il corpo e la mente.

L’approccio Trager si può utilizzare per tutta una serie di problemi: dai dolori al collo, alla schiena e alle articolazioni, fino ad altre forme di fastidio che riguardino i muscoli.

Lo si può usare anche per facilitare la riabilitazione dopo un infortunio, e per migliorare le performance atletiche.

Durante una seduta di Trager la persona potrà sperimentare le due parti dell’approccio.

Nella prima, verrà sottoposta ad una serie di movimentazioni da parte del terapista, che si occuperà di valutare il corpo  e anche di controllare quali potrebbero essere le fonti del dolore o del fastidio.

Successivamente, al soggetto trattato verranno insegnati degli esercizi da compiere a casa per eliminare del tutto le tensioni e per evitare che queste si ripresentino.

Ogni seduta potrà durare dai 60 ai 90 minuti, a seconda del tipo di problema e della risposta del soggetto trattato.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Trager Italia

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Video del Giorno: