Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Avete avuto un precedente di tumore del colon in famiglia? Assumete acido folico

di
Pubblicato il: 04-04-2002

Secondo i risultati di un'ampia ricerca, se in famiglia si è presentata una malattia intestinale, è possibile dimezzare i rischi di ammalarsi di cancro colon-rettale seguendo una dieta ricca di acido folico e riducendo il consumo di alcol.

Sanihelp.it - Il folato, una vitamina del gruppo B conosciuta anche come acido folico, si trova nella frutta e nella verdura ma può anche essere assunto in compresse.

Secondo il Dott. Charles S. Fuchs, dell’Harvard Medical School di Boston ed i suoi collaboratori del Dana-Farber Cancer Institute, le persone con una storia familiare di malattie tumorali del colon e che usano integratori multivitaminici per più di 5 anni, possono avere una riduzione del rischio di contrarre la malattia di oltre il 50%.
Il rapporto pubblicato nel numero di Marzo della rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention, indica che gli individui con un genitore, un fratello od una sorella che hanno contratto un tumore al colon, hanno una probabilità più che doppia di ammalarsi rispetto al normale.
Durante lo studio, Fuchs ed il suo team hanno analizzato 88.000 donne tra i 30 ed i 55 anni, già prese in esame da un’altra ricerca, e hanno valutato il loro rischio di ammalarsi di tumore al colon. La storia clinica di circa 7.000 donne riportava che in famiglia uno o più parenti erano stati precedentemente ammalati di tumore.

L’osservazione è durata 16 anni somministrando ogni due anni un questionario riguardante la loro dieta, il fumo, il peso ed il consumo di alcol e monitorandole con una colonscopia.
In totale 535 pazienti hanno contratto la malattia. I risultati hanno dimostrato che le donne con casi di tumori in famiglia precedenti e che consumavano più di 400 microgrammi di folato al giorno, avevano una probabilità del 52% inferiore di sviluppare il tumore rispetto a quelle che ne assumevano meno di 200 microgrammi/die. Nelle donne con una storia familiare negativa, e che assumevano la stessa quantità di folato, il rischio diminuiva del 19%.

Altra scoperta è stata che un consumo di alcol da modesto a elevato, ovvero 2 o più bicchieri di vino al giorno, incrementa il rischio di malattia nei soggetti con storia familiare di tumori colo-rettali.

Un altro fattore che sembra influenzare la formazione dei tumori è l’assunzione dell’aminoacido metionina, anche se la relazione è meno chiara rispetto all’acido folico.
Alti livelli di metionina sembrano infatti ridurre i rischi di contrarre un tumore nelle persone con famigliari ammalati, ma, a differenza dell’acido folico, non avrebbe influenza sugli altri.

I risultati dello studio suggeriscono che elevati apporti di folato e metionina, un uso regolare di multivitaminici contenenti folato e moderazione nel bere potrebbero diminuire sensibilmente il rischio di un tumore al colon associato a precedenti famigliari.
Concludendo la pubblicazione i ricercatori rilevano come questi risultati incoraggino ad intrapprendere nuovi percorsi di prevenzione per le popolazioni ad alto rischio generando inoltre nuove ipotesi sui meccanismi di trasmissione famigliare del tumore colon-rettale.

FONTE: Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention 2002


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti