Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Frutta fresca contro la sindrome metabolica

di
Pubblicato il: 26-11-2019

Uno studio recente sottolinea l'importanza di consumare regolarmente frutta fresca per non sviluppare sindrome metabolica


Frutta fresca contro la sindrome metabolica © iStock

Sanihelp.it - Secondo le stime più recenti la sindrome metabolica è una condizione che interessa fino al 40% della popolazione nei Paesi sviluppati.

Si fa diagnosi della condizione in presenza di almeno tre fattori di rischio tra obesità addominale, trigliceridemia elevata, bassi livelli di HDL, ipertensione e resistenza insulinica.

La presenza di almeno tre di queste condizioni contemporaneamente eleva la probabilità di sviluppare patologie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Recentemente una metanalisi pubblicata sulla rivista British Journal of Nutrition ha valutato 9 studi, 7 trasversali e 2 di coorte, selezionati tra tutti gli studi pubblicati nell’arco di 60 anni (1958-2018) condotti in Asia e in Europa, tutti improntati all’analisi fra l’associazione del consumo di frutta e verdura e rischio di sviluppare la sindrome metabolica.

Dall’esame dei dati è stato possibile riscontrare l’esistenza di un’associazione, tra consumo di frutta fresca (tutta) e rischio di sviluppare la sindrome metabolica, inversa e lineare, statisticamente significativa.

Più frutta si consuma più basso è il rischio di sviluppare la sindrome, rispetto al non consumo. Riuscire a consumare, proprio come raccomandano le più importanti linee guida nazionali e internazionali in merito, tre porzioni giornaliere di frutta da 150 grammi, incidono positivamente sulla riduzione del rischio di sviluppare la sindrome metabolica in una forbice percentuale compresa fra  il 25 e il 31%, rispetto a coloro che non ne consumano affatto.  

Per quanto riguarda la verdura, invece, gli studi considerati in questa metanalisi non permettono di trarre conclusioni definitive.

Proprio in questi giorni gli esperti dell’Humanitas Gavazzeni di Bergamo, hanno ricordato a tutti quali sono i cibi che non dovrebbero mai mancare nel menù di chi vuole salvaguardare la propria salute cardiovascolare.

Bisognerebbe puntare su frutta e verdura, legumi, pesce come il salmone ricco di grassi buoni, cioccolato nero e pomodoro meglio se cotto.

È buona regola consumare regolarmente salmone perché è ricco di omega-3 che favoriscono la stabilità della cellula miocardica e quindi la corretta trasmissione del’impulso cardiaco, il suo consumo aiuta anche a calmierare i livelli dei trigliceridi nel sangue dopo i pasti e a digiuno, mentre aiuta a migliorare i livelli del cosiddetto colesterolo buono (HDL, High Density Lipoproteins) prevenendo la formazione di placche nelle arterie.

Il pomodoro cotto, invece, può essere utile nel riequilibrare il deficit di potassio tipico di molte diete.

Squilibri nei livelli circolanti di potassio può essere all’origine delle aritmie cardiache.

Per quanto riguarda il cioccolato, infine, il consumo dovrebbe essere rivolto verso uno o due quadratini di cioccolato nero al giorno, con un minimo di 70% di cacao.

Un consumo di questo tipo è salutare probabilmente per via dell’azione antiossidante dei flavonoidi contenuti nel cacao e della teobromina, un alcaloide ad azione vasodilatatrice e cardiostimolante.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
British Journal of Nutrition

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?