Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un bambino su 4 colpito da ossiuri

di
Pubblicato il: 05-12-2019

Un bambino su 4 colpito da ossiuri © iStock

Sanihelp.it - Gli ossiuri sono i cosidetti vermi che possono comparire soprattutto nei bambini più spesso di quanto si possa credere: si stima, infatti, che 1 bambino su 4 contragga l’Enterobius vermicularis, parassita responsabile dei fastidiosi sintomi di questa infezione.

Essere infettati dagli ossiuri comporta prurito intenso, nella zona perianale soprattutto durante le ore notturne, ma anche manifestazioni come dolore addominale, diarrea e irrequietezza.

Nei casi più acuti, inoltre, possono comparire anemie, deficit di vitamina B12 e disturbi a livello uro-genitale.

Se si ha il sospetto di ossiuriasi, è bene ispezionare la zona anale e perianale appena svegli: nelle prime ore del mattino, infatti, è possibile rilevare la presenza di piccoli filamenti bianchi in movimento (ossiuri femmine) che durante la notte, quando il nostro organismo è a riposo, depongono le uova. 

Sono proprio i movimenti compiuti dalle femmine degli ossiuri a causare il prurito. 

Le larve nate dalla schiusa possono risalire fino al colon oppure, a seguito dello sfregamento dovuto dal prurito, passare alle mani e alla bocca. 

Il contagio, dunque, avviene per via oro-fecale.

Nelle bambine, le larve di ossiuri possono inoltre raggiungere le parti intime provocando vaginiti.

Ai fini della diagnosi è inoltre utile osservare accuratamente anche le feci e la biancheria intima, in cui è possibile accertare la presenza di ossiuri.

A confermare l’infezione, poi, è lo scotch test, un’indagine che si esegue applicando nastro adesivo sulla zona anale così da poter raccogliere, nell’eventualità, le uova incriminate, da depositare su un vetrino ed esaminare successivamente al microscopio.

I campioni, almeno tre, devono essere raccolti al risveglio.

Una volta diagnosticata, l’infezione da ossiuri va curata attraverso la somministrazione di farmaci che sono in grado di eliminare i parassiti nella loro forma vitale, ma non le uova.

Per questo motivo, è necessario somministrare due dosi, la prima delle quali al momento della diagnosi mentre la seconda dopo due settimane per poter eliminare le uova.

Nonostante il trattamento, l’infezione da ossiuri può ripresentarsi, soprattutto se la seconda dose viene assunta in ritardo o se l’infezione è stata contratta da più persone all’interno di uno stesso gruppo. 

La condivisione di asciugamani, biancheria da letto, sanitari, ma anche dei giocattoli tra i più piccoli, aumenta in modo esponenziale il rischio di contagio.

Per questo, Waidid l’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici indica alcune semplici regole per prevenire l’infezione e il contagio:

1.      lavare accuratamente le mani prima di maneggiare il cibo

2.      evitare di consumare carni poco cotte o pesce crudo

3.      lavare accuratamente frutta e verdura prima del loro consumo

4.      non lasciare cibi fuori dal frigo per più di due ore

5.      lavare biancheria intima, lenzuola e asciugamani ad alte temperature (almeno a 60°) e separatamente da altri indumenti

6.      igienizzare sanitari, banchi e tavoli da cucina

7.      far sì che il bambino non avvicini i giocattoli alla propria bocca

8.      far sì che compagni di asilo/scuola non utilizzino i giochi del proprio bambino nel periodo di infezione

9.      far indossare al bambino mutandine in cotone durante tutto il periodo così da alleviare il prurito

10.  applicare localmente una pomata che possa alleviare il prurito



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?