Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Allenare all'empatia: perché è così importante

di
Pubblicato il: 11-12-2019

Allenare all'empatia: perché è così importante © iStock

Sanihelp.it - Uno studio recente condotto in collaborazione dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza di Roma con la Fondazione Santa Lucia IRCCS, e pubblicato sulla rivista Cortex, ha ideato un nuovo metodo per rafforzare l’imitazione automatica delle emozioni.

Le deduzioni dello studio potrebbero essere utilizzate in futuro, per approntare piani di intervento personalizzati per persone autistiche o affette da schizofrenia.

Gli autori dello studio sono partiti dal presupposto che gli umani e i primati mostrano la tendenza innata a imitare le espressioni facciali altrui.

La facial mimicry, ossia l'imitazione automatica delle emozioni facciali di un altro individuo, è un meccanismo alla base del riconoscimento delle emozioni e del contagio emotivo, forme basilari di empatia che precedono quelle più complesse.

Tale abilità è modulata da fattori sociali di alto livello quali appartenenza al gruppo, familiarità, cooperazione o competizione. Sudetta abilità, inoltre, è associata a cambiamenti fisiologici e neurali prodotti dall’effettiva esperienza emozionale dell’osservatore e modulata dai tratti empatici dello stesso.

Questa risposta risulta ridotta e/o rallentata nell’autismo e nella schizofrenia, condizioni caratterizzate tra l’altro da difficoltà empatiche e di riconoscimento delle emozioni altrui.

Nello studio in questione è stata testata la possibilità di aumentare l’imitazione automatica delle emozioni facciali attraverso l'enfacement, una semplice ma efficace illusione corporea che viene indotta dalla stimolazione tattile del volto del partecipante mentre osserva la medesima stimolazione effettuata sul volto di un’altra persona.

Questo procedimento riduce la distinzione tra sé e l’altro; infatti diversi studi hanno dimostrato che, in seguito a tale stimolazione visuo-tattile, i partecipanti tendono a percepire l’altro più simile a sé su diversi livelli, dall’ identità visiva ai comportamenti sociali.

Nel presente studio i ricercatori hanno utilizzato il metodo dell’enfacement, toccando la faccia dei partecipanti contemporaneamente alla faccia di un attore che in un secondo momento mostrava specifiche emozioni, mentre venivano registrate le risposte neurofisiologiche facciali dei partecipanti.

I risultati mostrano per la prima volta che l'illusione dell'enfacement aumenta significativamente l'imitazione automatica delle emozioni altrui.

Molti ricercatori hanno indagato il ruolo della percezione di sé nello sviluppo della psicopatologia.

Ad esempio lo studio dei prodromi della schizofrenia ha riconosciuto i disturbi del sé come una componente fondamentale di questa patologia.

I disturbi del sé sono anomalie soggettive dell'esperienza che precedono la fase conclamata della malattia e che includono, ad esempio, la scarsa distinzione tra sé-altro.

I disturbi del sé risultano fortemente correlati al senso di consapevolezza corporea e alla costruzione di un senso di identità coerente in condizioni sociali.

La somatosensazione è un elemento cruciale per la discriminazione sé-altro, e tale confine può essere alterato in contesti di stimolazione visuo-tattile interpersonale.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Università la Sapienza

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?