Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Giornata contro lo spreco alimentare

di
Pubblicato il: 04-02-2020

VII giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare: prevenire gli sprechi al fine di presidiare la salute dell'uomo e quella dell'ambiente


Giornata contro lo spreco alimentare © iStock

Sanihelp.it - Il 5 febbraio è la Giornata Nazionale contro lo Spreco alimentare,  un’iniziativa cominciata in Italia il 5 febbraio 2014: quest’anno la giornata è dedicata a cibo e salute proprio perché prevenire gli sprechi significa anche presidiare la salute dell’uomo e quella dell’ambiente.

Secondo i dati presentati presso la FAO in occasione della Giornata 2019,  lo spreco alimentare in Italia vale lo 0,88% del Pil: la stima è di oltre 15 miliardi €, per l’esattezza 15.034.347.348 € che sono la somma dello spreco alimentare di filiera (produzione – distribuzione), complessivamente stimato in oltre 3 miliardi € (3.176.032.413 €), ovvero il 21,1%  del totale, a fronte dello spreco alimentare domestico reale, cioè quello misurato nelle case degli italiani attraverso il test dei Diari di Famiglia, che rappresenta quindi i 4/5 dello spreco complessivo di cibo in Italia e vale 11.858.314.935 €.

Non sprecare, quindi, è una necessità sia in termini economici sia la prevenzione degli sprechi a livello domestico svolge un ruolo fondamentale nella protezione dell’ambiente.

Questa giornata, dunque, diventa l’occasione per contribuire ad attività di ricerca, informazione e sensibilizzazione dei consumatori e delle istituzioni con particolare riferimento alle giovani generazioni.

Che cosa si può fare concretamente per limitare gli sprechi?

Fondazione Barilla, per esempio,  ha ideato un decalogo di suggerimenti per imparare a mangiare e cucinare con criterio il cibo.

Tenere a mente queste semplici indicazioni è di aiuto per limitare gli sprechi alimentari, tenere sotto controllo il budget a disposizione per la spesa quotidiana, poiché non sprecare si traduce in un risparmio stimato di 450 euro all’anno per nucleo familiare. 

Il decalogo antispreco di Fondazione Barilla suggerisce

1) Fai una spesa ragionata: prima di comprare, controlla cosa serve davvero, fai una lista e ricorda che sprecare cibo vuol dire buttare via dei soldi

2) Quando cucini, fai attenzione alle quantità e cucina solo ciò che puoi consumare

3) Fai attenzione all’etichetta: guarda sempre quando scadono i cibi

4) Quando riponi i prodotti in frigorifero, metti i cibi a breve scadenza davanti e riponi in freezer i cibi che non puoi mangiare a breve

5) Ricette contro lo spreco: non buttare via avanzi e scarti alimentari, possono dare vita a nuovi piatti creativi

6) Prodotti freschi e di stagione: privilegia l’acquisto dal produttore

7) Hai comprato troppo cibo? Condividilo con i tuoi vicini di casa o invita degli amici per mangiare insieme

8) Al ristorante: se ti avanza del cibo chiedi di portare a casa gli avanzi in un pacchetto

9) »Da consumare preferibilmente entro il…» vuol dire che gli alimenti risultano ancora idonei al
consumo anche successivamente al giorno indicato. Verifica bene prima di buttarli

10) Usa la tecnologia e cerca le app che ti aiutano a sprecare meno cibo



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Fondazione Barilla

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?