Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute e animali

È quasi tempo di antiparassitari

di
Pubblicato il: 17-03-2020

Arriva la primavera, e con essa tornano gli ospiti indesiderati: i parassiti


È quasi tempo di antiparassitari © iStock

Sanihelp.it - Con l’arrivo della bella stagione, insieme al sole e alle passeggiate all’aria aperta (virus permettendo) arrivano anche gli ectoparassiti, che vivono al di fuori dell’animale, e gli endoparassiti, come i vermi, che invece vivono all’interno dell’organismo animale.

C’è quindi la necessità di proteggere i nostri cani e gatti da pulci, zecche, zanzare, flebotomi, o pappataci, e dai vermi.

Il prodotto ideale per tutti non esiste, bisogna scegliere il più adatto al nostro animale, tenendo conto di vari fattori: l’età, in quanto bisogna fare attenzione ai cuccioli, la localizzazione geografica, la razza, in quanto esistono molecole altamente tossiche per alcune razze, il tipo di vita, all’aperto o in casa, eventuali patologie dell’animale.

Deve essere privo di tossicità per l’animale e per le persone, resistente all’acqua, di facile somministrazione e di lunga durata.

Se si possiede un collie, un border collie, un pastore australiano o delle Shetland o loro incroci, dobbiamo tenere presente che, a causa di una mutazione genetica riscontrata in queste razze, l’ivermectina, principio attivo contenuto in diversi antiparassitari, è altamente tossica.

Un’altra cosa importante da ricordare è di non utilizzare mai prodotti destinati ai cani sui gatti, per esempio contenenti permetrina, potremmo far rischiare loro la vita.

In commercio possiamo trovare gli antiparassitari sotto diverse forme:

pipette spot on, che si applicano sulla cute (facendo attenzione che il liquido vada a contatto proprio con la cute) in punto solo o in più punti, a seconda della dimensione dell’animale, da dietro alle orecchie fin verso alla coda;

spray, vanno applicati sulla cute mediante nebulizzazione su tutto il corpo, zampe e pancia comprese, facendo attenzione agli occhi;

shampoo, con cui fare il bagno all’animale;

collari, che assicurazione protezione per diverso tempo;

compresse, da assumere per via orale;

iniettabili, ad uso esclusivo del veterinario;

polveri, ormai poco usate.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Elisa Brambilla

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?