Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Obesità e diabete, gli immigrati sono più a rischio

di
Pubblicato il: 18-07-2005
Sanihelp.it - I problemi di integrazione degli immigrati nel nostro Paese non sono solo economici e sociali, ma anche nutrizionali: le giovani generazioni, costituite da figli di immigrati nati o cresciuti in Italia, assorbono la cultura e l'alimentazione di stampo occidentale, che si scontra però con geni predisposti per un altro tipo di cibo.
Questo comporta un aumento esponenziale dei casi di obesità e diabete di tipo 2, o giovanile, tra i bambini e i ragazzi immigrati o figli di immigrati, soprattutto tra quelli provenienti dal sud-est asiatico.

Secondo l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, almeno un 10% all'anno dei ricoverati per problemi acuti e patologie croniche legate a un'alimentazione sbagliata appartiene a queste etnie.

L'indagine Non organic failure to thrive, svolta dall’unità operativa di Dietologia Clinica dell’ospedale, ha dimostrato poi che i problemi nutrizionali iniziano in tenerissima età: su 200 casi di intenso conflitto interattivo madre-bambino nel passaggio dal divezzamento a un’alimentazione autonoma di tipo occidentale, il 10% è costituito da immigrati del Bangladesh.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti