Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sesso: come usi il preservativo?

di
Pubblicato il: 26-07-2005

Per fare sesso sicuro il preservativo è indispensabile, ma bisogna saperlo usare: molti non sanno di fare errori che possono portare a gravi conseguenze.

Sanihelp.it - Usare il preservativo per difendersi dalle malattie sessualmente trasmissibili è importante, ma non basta: per essere al sicuro bisogna saperlo usare bene.

Sembra scontato, ma uno studio condotto dall’Università dell’Alabama su 1.100 pazienti in cura per malattie sessuali come clamidia e gonorrea ha dimostrato che oltre un quarto le aveva contratte a causa di un uso errato del preservativo.

Insomma, secondo lo studio una persona su 4 sbaglia a usare il preservativo.
Ma quali sono gli errori più diffusi?

Stando alle risposte rilasciate dagli intervistati, le donne ne compiono principalmente due: non lasciano uno spazio sufficiente all’estremità, e non rimuovono l’aria in eccesso.

Per gli uomini, invece, i quattro errori più frequenti sono non trattenere la base del profilattico durante l’estrazione, srotolarlo prima di indossarlo, utilizzarlo a rapporto già iniziato o riutilizzarlo per più di un rapporto.

Questa lista degli errori potrebbe anche far sorridere, ma le conseguenze sono tutt’altro che divertenti: a causa di queste cattive abitudini, il rischio di rottura del preservativo aumenta più del doppio, e con esso anche quello di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili.

«Per questo è importante», ha commentato la dottoressa Diane Grimley, responsabile dello studio, «che accanto all’informazione sull’importanza di usare il preservativo si sottolinei anche quella di usarlo bene. Il legame tra uso scorretto e comparsa di infezioni è ancora troppo poco conosciuto».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
webMD News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
2 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti