Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Con la CE MRI, la diagnosi per il cancro al seno è più sicura

di
Pubblicato il: 01-09-2005
Sanihelp.it - Il carcinoma mammario, nelle donne geneticamente predisposte spesso si sviluppa in giovane età, quando il tessuto mammario denso riduce la sensibilità della mammografia a raggi X.
Per questo la risonanza magnetica per immagini a contrasto (CE MRI) è più efficace della mammografia per lo screening.

A sostenerlo è un gruppo di ricercatori inglesi dell’Institute of Cancer Research and Royal Marsden NHS Foundation Trust di Sutton, che hanno condotto uno studio prospettico multicentrico su 649 donne di età compresa tra i 35 ed i 49 anni con una storia familiare di carcinoma mammario o ad alta probabilità di mutazioni tumorali.

Tra le 649 donne sottoposte a screening, sono stati identificati 35 casi di carcinoma (19 con sola risonanza magnetica per immagini a contrasto, 6 mediante la sola mammografia e 8 con entrambe).
La sensibilità è risultata significativamente maggiore per la risonanza magnetica per immagini a contrasto (77%) che non per la mammografia (40%), ed è stata del 94% quando sono stati impiegati entrambi i metodi.

Uno screening annuale, combinando risonanza magnetica per immagini a contrasto e mammografia, potrebbe dunque rilevare la maggior parte dei carcinomi in questo gruppo a rischio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
The Lancet

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti