Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori e anziani: problemi a tavola

di
Pubblicato il: 07-11-2005

Rimediare ad alcune complicanze alimentari del tumore nell'anziano si può: bastano alcuni semplici rimedi, da concordare con l'oncologo, per correggere la situazione.

Sanihelp.it - Parliamo di insorgenza di tumore nella terza età e di problemi alimentari correlati a questa patologia.
In caso di tumore, specialmente al tubo digerente, nell’anziano si può verificare un calo dell’appetito e un’alterazione nella corretta assimilazione dei nutrienti, ma radioterapia e chemioterapia possono essere meglio sopportate con una serie di indicazioni pratiche, facili da seguire. Non solo: a tavola è possibile persino prevenire l’insorgenza di tumori, seguendo un’alimentazione sana ed equilibrata.

Lazzaro Repetto, Direttore Unità Operativa di Oncologia, Istituto Nazionale di Riposo e Cura per Anziani di Roma afferma: «L’eccesso di calorie incrementa il rischio di ammalarsi di tumore a mammella, colon e altre sedi, ed esiste una correlazione anche tra obesità e insorgenza di tumori della colecisti, del corpo dell’utero, della mammella e della prostata».

A fronte di questi fattori di rischio esistono contromisure alimentari che possono risultare protettive, specialmente per gli over 65: a questo proposito è stato recentemente presentato a Roma dall’AIOTE (Associazione Italiana Oncologia terza Età) un regolamento alimentare destinato a tutti i nonni d’Italia che vogliono mantenersi in forma non rinunciando ai piaceri della dieta mediterranea.

Ecco i principali sintomi nutrizionali nel paziente con tumore e i relativi rimedi per correggere la situazione:

  • alterazioni del gusto indotte dalla chemioterapia: è possibile rimediare con interventi di nutrizione
  • stomatite indotta da chemioterapia e radioterapia: è possibile curarla con alcuni farmaci assicurando un apporto calorico adeguato
  • diminuzione della saliva derivante dall’irradiazione per i tumori della testa e collo: si può ovviare con interventi nutrizionali come un aumento dell’ingestione di liquidi e l’astensione da alcolici e tabacco
  • nausea e vomito indotti dalla chemioterapia: possono essere controllati da una terapia antiemetica
  • perdita di appetito: si ricorre a stimolanti dell’appetito e si mette a punto un intervento nutrizionale adeguato
  • diarrea causata da chemioterapia: controllabile con terapia farmacologica
  • stitichezza e costipazione provocati da farmaci antitumorali: si interviene con lassativi e altri farmaci; è importante cibarsi a intervalli regolari ogni giorno, aumentando cibi ad alto contenuto di fibre vegetali
  • difficoltà alla deglutizione (disfagia): può essere la conseguenza di un intervento chirurgico nella bocca o nella gola, può essere dovuta a radioterapia per tumori della testa e del collo, e a mucosite da chemioterapia. Sono possibili interventi nutrizionali adeguati. Se l’ostruzione è dovuta a un tumore può essere necessario ricorrere a una dieta con soli liquidi o si può ricorrere alla alimentazione per via endovenosa.


Leggi il sondaggio dell’AIOTE e consulta il menu dell’anziano in salute e quello dell’anziano in terapia.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti