Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Piccolo manuale di sopravvivenza per il viaggiatore inesperto.

di
Pubblicato il: 13-06-2003

Non tutte le persone che si apprestano ad affrontare un viaggio all'estero conoscono adeguatamente le norme comportamentali utili per trascorrere un soggiorno gradevole. Eppure sono proprio queste norme a consentire di passare momenti felici senza incorrere nelle spiacevoli conseguenze di un comportamento troppo disinvolto

Sanihelp.it - Malattie infettive da acqua
Le principali malattie contraibili all'estero sono di carattere infettivo. Alcune possono essere banali, altre invece possono essere tali da compromettere non solo la permanenza nel luogo di soggiorno, ma anche la salute al ritorno a casa.

Ecco un elenco delle principali vie di infezione, con successivamente i relativi consigli:

Infezioni causate da acqua infetta, mani non adeguatamente lavate o cibi contenenti uova o larve di parassiti

Bere solo bevande sigillate, meglio se gassate, di sicura provenienza e dal contenitore integro: in questo modo si ridurrà al massimo il rischio che la bevanda sia infetta.

Evitare ogni altra bevanda, soprattutto quelle vendute sulle strade: sarà anche piacevole sorseggiare un tè appoggiati ad un folcloristico bistrot... ma vale la pena rischiare di rovinare una vacanza per una bibita potenzialmente infetta?

Evitare l'uso del ghiaccio: il ghiaccio deriva dalla stessa acqua che si cerca di evitare e, poichè il freddo non inattiva i microbi, se questi sono nell'acqua, restano anche nel ghiaccio.

Usare acqua corrente solo previa bollitura o aggiunta di disinfettanti atossici: al contrario del freddo, il caldo è in grado di distruggere i microbi... pertanto se non puoi bollirlo o disinfettarlo...non berlo. La bollitura deve essere mantenuta per almeno un minuto, e se ci si trova a quote elevate, anche più. Per migliorare il gusto dell'acqua bollita può essere aggiunto un pizzico di sale. Se l'acqua fosse particolarmente torbida, filtrarla con un tessuto pulito e raddoppiare il numero di pastiglie disinfettanti utilizzate.

Lavare i denti con acqua confezionata in caso di dubbi sui sistemi di approvvigionamento idrico: molte "diarree del viaggiatore" nascono da un gesto quotidiano innocente, con poche gocce d'acqua infetta deglutite lavandosi i denti.

Evitare le verdure crude e così pure la frutta già tagliata a pezzi: le verdure cotte sono buone allo stesso modo e sono sicure, provvedere personalmente a sbucciare la frutta non è impegnativo... e lascia tranquilli.In realtà, anche angurie o cocomeri, apparentemente cosi' sicuri, possono risultare contaminati se irrigati con acqua contaminata.

Non mangiare molluschi, crostacei, vegetali cresciuti in acqua e pesci d'acqua dolce crudi o non adeguatamente cotti: a volte presentano intimamente adese piccolissime larve che vengono inattivate unicamente dal calore.

Non mangiare latticini e carni crude o poco cotte: alcune malattie sono trasmesse attraverso larve o microbi presenti all'interno di tali sostanze: solo il calore le può inattivare.

Non mangiare mitili crudi se non in luoghi al di sopra di ogni sospetto: i frutti di mare sono considerati gli spazzini del mare perchè per sopravvivere filtrano l'acqua assorbendo ogni tipo di impurità eventualmente presente... se l'acqua non fosse propriamente pulita, si correrebbe il rischio di ingerire le stesse impurità trattenute dal mitile.

Evitare le uova crude o poco cotte e gli alimenti che le contengono: la maionese casalinga, le salse, i budini, possono contenere germi della salmonellosi

Non fidatevi dell'aspetto dei cibi: sfortunatamente l'aspetto degli alimenti non e' una garanzia di salubrità... molti alimenti contaminati possono avere un aspetto appetibile.

Usare la massima precauzione nell'uso dei servizi igienici, soprattutto quelli pubblici: non si conosce chi sia passato prima di noi e che tipo di attenzioni abbia avuto... potrebbe avere toccato le stesse cose che stiamo toccando noi con mani infette... trasferendo sulle nostre mani gli stessi microbi che una volta ingeriti...

Curare il più possibile l'igiene personale, specie prima dei pasti: nonostante tutte le nostre attenzioni potremmo aver toccato qualcosa di infetto... non rischiamo di rovinarci la vacanza per qualche minuto in meno dedicato all'igiene personale.

Utilizzare solo stoviglie sicuramente lavate e sterilizzate (posate, piatti, bicchieri, caraffe): non ha senso curarsi del cibo se poi i contenitori sono potenzialmente infetti…
Malattie infettive da insetti

Infezioni causate da puntura di insetti

Fornirsi di mappa delle vaccinazioni consigliate: per la maggior parte delle infezioni trasmissibili da insetti esiste una profilassi in grado di ridurre il rischio di contrarre la relativa infezione... non effettuarla significa partire svantaggiati.

Ripararsi dagli insetti con abbigliamento adeguato, lasciando la minor parte della pelle esposta: se l'insetto più pericoloso fosse la zanzara l'attenzione viene richiesta per la sera, ma laddove fossero le zecche si dovrà stare attenti anche di giorno. Attenzione poi al fatto che non tutte le zanzare pungono di notte: l'Aedes Aegypti (zanzara che trasmette la malattia di Dengue), punge preferibilmente di giorno.

Evitate che le zanzare vi raggiungano nel sonno: primo comandamento è non lasciare le porte e le finestre aperte... evitare una battaglia è sempre meglio che combatterla. Un ulteriore protezione può essere aggiunta spruzzando le tende con insetticida al piretro, tenendole ben chiuse quando si va a letto.

Utilizzare ogni tipo di repellente a disposizione: al momento, tra tutti i repellenti in commercio, quelli a base di dietiltoluamide (es. Autan) sono i più studiati. Ne esistono con diversa concentrazione, anche se quella ottimale e' compresa tra 35% e 50%. Solitamente il prodotto e' efficace per 4 ore, ma poichè dura di meno in presenza di pioggia, di sudorazione, di strofinamento e se ci si immerge in acqua, in queste circostanze l'applicazione va rinnovata.
Utile da spruzzare su abiti e tessuti la permetrina che ha effetto repellente sulle zanzare e sulle zecche.

Utilizzare zanzariere, controllando che siano integre: per dormire sonni tranquilli occorre essere sicuri dei sistemi di sicurezza... se una zanzariera non fosse integra sarebbe come dormire sotto un tetto bucato in una notte di pioggia. Ricordarsi che le zanzariere tipo tenda devono essere spruzzate di insetticida al mattino e deposte in un luogo sicuro, lontano da insetti.

Creare per la notte un ambiente fresco, sfavorevole all'insetto: gli insetti si trovano particolarmente a proprio agio negli ambienti caldi e umidi... il condizionatore d'aria riduce tale "comfort" scoraggiandolo a restarvi.

Non permanere in ambienti paludosi o acque stagnanti: è bene non andare a infilarsi nella tana del nemico.

Evitare i profumi alla sera: le zanzare sono attratte dai profumi, percui utilizzarli significherebbe stimolare il loro interesse.

Evitare i colori chiari e sgargianti: le zanzare sono attratte dai colori chiari e vivaci; per evitare di attrarle conviene utilizzare tinte scure.

In caso di aree geograficamente pericolose, ricordare che le zecche prediligono sicuramente i boschi e i terreni da pascolo, ma i parchi e il sottobosco: meglio portare pantaloni lunghi, infilandoli nelle calze, o meglio utilizzare stivali alti, evitando di abbandonare i sentieri tracciati e sdraiarsi o sedersi sull'erba o vicino ai cespugli.

Al termine di una giornata passata in zona a rischio, controllare attentamente che sul corpo non vi sia alcuna zecca: perché un'infezione venga trasmessa occorrono 24 ore, si ha pertanto tutto il tempo per trovare eventuali zecche e eliminarle (applicando sull'insetto alcune gocce di olio, si provoca il distacco del parassita, che potrà essere rimosso delicatamente con le pinzette e quindi andrà bruciata). La pelle andrà successivamente lavata con acqua e sapone e disinfettata con cura.
Malattie infettive per presenza di abrasioni

Infezioni contratte attraverso cute non integra per presenza di abrasioni o anche integra, per contatto con acqua o terreno infetti

Disinfettare sempre anche la ferita più piccola e apparentemente banale: rappresenta una porta aperta all'ingresso di microbi o tossine che, una volta entrati nell'organismo, potrebbero creare gravi problemi.

Mai camminare scalzi: piccole ferite possono crearsi anche senza procurare dolore, creando senza che nessuno se ne accorga, la via d'ingresso per microbi e tossine.

Evitare di bagnarsi in acque dolci (anche apparentemente pulite), acquitrini, stagni, zone di mare prossime agli sbocchi di fogne, foci di fiume: possono essere presenti le larve di certi parassiti che prediligono le acque non salmastre, le uniche non nocive alla loro sopravvivenza.

Non camminare a piedi nudi, non nuotare, non pescare nei terreni melmosi, nelle risaie e nei fiumi: soprattutto nelle aree del Pacifico Occidentale e nel Sud Est Asiatico possono essere fonte di infezione.
Malattie infettive causate da animali

Infezioni causate dal morso di animali infetti o indirettamente da animali

Evitare qualsiasi animale sconosciuto, anche apparentemente innocuo: molte specie animali non sono note ai viaggiatori... il loro aspetto potrebbe trarre in inganno: potrebbero non essere così socievoli e inoffensive come sembrano.

Non fidarsi degli animali domestici, anche se apparentemente hanno aspetto bonario: i cani mordono, i gatti graffiano e gli uccelli beccano... senza preavviso.

Diffidate della minima ferita: qualora siate morsi o graffiati da animali, lavate e disinfettate subito la ferita e recatevi al più vicino Ospedale per valutare la possibilità di effettuare la vaccinazione antirabbica e/o antitetanica.

Scuotere sempre le scarpe prima di calzarle: qualche piccolo rettile potrebbe esservi intrufolato nel frattempo... infilando la scarpa lo si molesterebbe e la sua reazione potrebbe essere pericolosa.

Controllare regolarmente gli animali domestici: il cane infatti, può veicolare le zecche infette e portarle nelle abitazioni.

Portare sempre scarpe alte o stivali: esistono zone infestate da serpenti e scorpioni, che sono difficilmente avvistabili per tempo… portando alte calzature si evitano punture e morsi anche molto pericolosi.
Malattie infettive da rapporti sessuali

Infezioni causate da rapporti sessuali non protetti

Evitare rapporti sessuali con partner occasionali: il tasso di patologie infettive sessualmente trasmissibile varia da paese a paese e può raggiungere il 25% della popolazione nelle aree a più ritardato progresso sociosanitario: una persona su quattro.

In caso di rapporti occasionali usare sempre il preservativo: ogni rapporto può essere potenzialmente a rischio... il preservativo non garantisce la totale protezione, ma è sempre meglio che non usare nessuna protezione.

Disturbi causati dal mezzo di trasporto

La vacanza non incomincia all'arrivo ma alla partenza. È bene conoscere quali sono i problemi relativi al viaggio per evitare di trovarsi in panne per i primi giorni, in attesa che passino gli effetti di un viaggio affrontato male.
Ecco un elenco dei principali disturbi legati al viaggio, con i relativi consigli:

Cinetosi

La cinetosi è il comune mal di mare, mal d'aereo, mal d'auto... È dovuto alla stimolazione dei centri dell'equilibrio, oltre alla loro capacità di sopportazione. Dipende dalla sensibilità dei centri di ciascuna persona e dall'effettivo movimento del mezzo di trasporto.
I sintomi sono noti: nausea, vomito, pallore, irrequietezza o, all'opposto, stordimento.
In caso di cinetosi è conveniente:
stare calmi e rilassati, rinunciare alle letture, concentrarsi su oggetti lontani, sdraiarsi, evitare i pasti abbondanti prima del viaggio ma anche lo stomaco vuoto: un pasto leggero e semplice è la giusta mediazione. In caso di nota cinetosi converrà procurarsi un buon farmaco da assumere prima della partenza ed eventualmente un antiemetico da usare in caso di bisogno.

Disturbi da fuso orario

I disturbi da fuso orario si verificano quando durante il volo si coprano più fusi orari. Si manifesta con disorientamento, stanchezza e difficoltà ad adattarsi ai nuovi ritmi di sonno e veglia.
In caso di disturbi da fuso orario è conveniente:
garantirsi almeno un paio di notti riposate prima della partenza, arrivare alla partenza rilassati, astenersi da pasti abbondanti, alcolici e caffè nel periodo prossimo alla partenza, all'arrivo concedersi un paio di giorni per acclimatarsi, riposando negli orari ritenuti più consoni e adeguandosi progressivamente ai nuovi ritmi.

Disturbi generici dovuti alla costrizione del mezzo

Problemi derivanti dalla costrizione del mezzo si verificano a causa degli spazi ristretti nei quali si è costretti.
In caso di disturbi dovuti alla costrizione del mezzo è conveniente:
cercare di riposare per non perdere la calma, alzarsi di tanto in tanto per sgranchirsi le gambe, utilizzare gli scali o le soste per fare un po' di movimento.

Disturbi caratterizzati dalle caratteristiche del luogo di soggiorno

Quando ci si reca in vacanza è possibile che si incontrino condizioni climatiche e non solo molto diverse da quelle conosciute. Possono così realizzarsi situazioni potenzialmente rischiose, tali da richiedere la giusta attenzione per non subirne le conseguenze.
In genere la condizione che più facilmente può creare problemi è l'eccessivo calore. Esso può provocare infatti molteplici effetti negativi, che possono spaziare dai crampi muscolari agli eritemi solari, al collasso cardiocircolatorio al colpo di calore. Senza entrare nel merito di ciascun evento ecco i principali consigli per gustarsi il caldo e il sole senza pericolo:

Esporsi al sole con coscienza

La pelle deve abituarsi ai raggi del sole e per questo occorre iniziare a prendere il sole solo per pochi minuti nel primo mattino e nel secondo pomeriggio; giorno per giorno si potrà aumentare il tempo di esposizione anche negli orari più assolati.

Usare creme protettive adeguate per la propria pelle

Non tutte le pelli sono uguali... le pelli più chiare necessitano di maggior protezione: lasciamo le creme abbronzanti per quando la pelle si sarà già abituata al sole.

Portare sempre un cappello

Il caldo può creare grossi problemi a chi si espone a lungo a capo scoperto.

Leggere attentamente le istruzioni dei farmaci che si assumono durante l'estate

Alcuni farmaci non consentono di prendere il sole, poichè possono causare reazioni cutanee anche importanti.

Evitare di svolgere attività fisica sotto il sole

Già il caldo imperversa... non è assolutamente il caso di peggiorare la situazione impegnandosi fisicamente.

Vestirsi in modo adeguato

Gli abitanti dei luoghi caldi stupiscono per i loro abiti leggeri, in fibra naturale, ma coprenti quasi tuta la superficie corporea... non è un errore perchè così si mantengono più freschi rispetto a chi è più scoperto.

Evitare i luoghi chiusi e caldi

Meglio quelli ventilati e ariosi, che consentono una corretta traspirazione.

Idratarsi correttamente

Bere molto, non alcolici, per ristabilire il giusto rapporto dei liquidi e dei sali minerali.

Consigli

Ecco infine gli ultimi consigli generici:

Prima della partenza chiedere presso la propria ASL informazioni relative alla possibilità di ottenere copertura sanitaria gratuita nel paese che ci si appresta a visitare.

Provvedere ad ultimare per tempo tutte le vaccinazioni necessarie, tenendo presente in particolare che è bene evitare somministrazioni contemporanee (ad esclusione della vaccinazione antitetanica).

Ricordarsi di portarsi ampia scorta dei farmaci utilizzati correntemente.

Provvedere ad una piccola "farmacia " comprendente:

  • un disinfettante, una pinzetta per le spine, qualche garza sterile e qualche cerotto:
  • un farmaco contro la febbre;
  • un farmaco contro il vomito;
  • un farmaco contro il bruciore di stomaco;
  • un farmaco contro la diarrea;
  • un farmaco contro eritemi e punture (pomata);
  • un collirio antibiotico;
  • un antibiotico a largo spettro;
  • un disinfettante delle vie urinarie.
Prudenza, quindi... ma soprattutto: buon viaggio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti