Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I bebè del futuro? Poliglotti in fasce grazie a mamma e papà

di
Pubblicato il: 11-01-2006
Sanihelp.it - Un gruppo di ricercatori dell'Università di Rutgers (New Jersey, Usa) sembra aver scoperto il meccanismo con cui si impara a parlare, cioè richiamando alla mente le ninne nanne che i genitori ci cantavano quando eravamo in culla, e poi attivando una zona del cervello adibita all'udito e all'immagazzinamento di questo tipo di informazioni in tenera età.

Per affermarlo, i ricercatori hanno analizzato il comportamento di alcuni uccelli zebra australiani, che sembrano avere in comune con gli esseri umani lo stesso meccanismo di vocalizzazione mediante cui, ricordando i suoni prodotti dai genitori, si riesce a imparare la propria lingua madre.

I bambini, insomma, sarebbero in grado di imparare qualsiasi tipo di lingua, a patto di sentirla parlare fin dai primi giorni di vita. Questa potrebbe essere la chiave per crescere le generazioni del futuro con la perfetta padronanza di più di un linguaggio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AdnKronos Salute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti