Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Apnee notturne, attenti a dentiere e protesi

di
Pubblicato il: 30-01-2006
Sanihelp.it - La sindrome delle apnee ostruttive (OSAS), un disturbo del sonno caratterizzato forte russamento e frequenti risvegli, nelle persone anziane può essere associata all'utilizzo di protesi dentarie scorrette, o al totale intuilizzo.

A dimostrarlo è una ricerca, dal titolo Obstructive sleep apnea, depression, and oral status in elderly occupants of residential homes (Apnee ostruttive nel sonno, depressione e situazione orale nei pazienti anziani), nata dalla collaborazione tra la Clinica Odontoiatrica, la Neurologia e la clinica otorinolaringoiatrica dell’ospedale Molinette di Torino, pubblicata sulla rivista International Journal of Prosthodontic.

Lo scopo del lavoro è stato di indagare la prevalenza della sintomatologia della sindrome delle apnee ostruttive in un gruppo di 403 anziani residenti in case di riposo del distretto torinese.
Dallo studio è emerso che tra i pazienti che non portavano la protesi di notte, o che portavano una protesi incongrua, vi era un numero significativo con sintomatologia OSAS, mentre questo numero era nettamente ridotto nei pazienti con una protesi corretta.

Infine è stata confermata una più diffusa presenza di sintomatologia depressiva nei pazienti con OSAS. Da ciò si può dedurre come una protesi incongrua è strettamente associata al rischio di apnea ostruttiva e che la sintomatologia depressiva è più presente se sussiste un alto rischio per l’OSAS.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti