Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Grano contaminato, buona la qualità della pasta italiana

di
Pubblicato il: 03-03-2006
Sanihelp.it - Dopo il polverone alzato dallo scandalo del grano duro canadese sequestrato nel mese di settembre nel porto di Bari perché contaminato da ocratossina A (una sostanza tossica prodotta da alcune muffe), non si è più toccato l’argomento, e soprattutto non si è più chiarito se la pasta che troviamo nei supermercati e ristoranti è di buona qualità.

Grazie a una ricerca di altro consumo possiamo tranquillizzarci, su 25 marche di pasta, da quelle leader di mercato a quelle destinate alla ristorazione collettiva, nessuna ha sorpassato il limite consentito dalla legge. L'ocratossina A è stata rilevata in cinque prodotti, ma sempre in quantità ampiamente sotto i limiti fissati dalla legge per questi alimenti.

La legge, infatti prevede, un limite massimo pari a 3 ppb (microgrammi per chilo): il valore più alto riscontrato da altro consumo si ferma a 0,25 ppb.

La maggior parte delle marche quindi hanno un livello di ocratossina minore di 0,05 ppb quelle con un livello superiore, ma sempre nei limite della legge, sono a quota 0,07 ppb Divella spaghetti ristorante Setteducati spaghetti n.3, a 0,08 ppb Fidel(Esselunga) e Granoro, a 0,25 la pasta Rummo 0,25.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
altroconsumo

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti