Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Poco sonno e tanto lavoro, il «karoshi» è in agguato

di
Pubblicato il: 20-03-2006
Sanihelp.it - I giapponesi la chiamano karoshi: è la morte improvvisa da superlavoro, causata da turni massacranti e pochissime ore di sonno, che comportano un maggior rischio di picchi di pressione alta, infarto e ictus.
In pericolo soprattutto chi lavora di notte e riposa di giorno, ma anche i liberi professionisti, che, non dovendo timbrare il cartellino, finiscono per dosare male le proprie forze e imporsi degli orari disumani.

Del fenomeno si parla oggi, a Milano, durante la «VI Giornata del dormire sano» promossa dall'Associazione italiana di medicina del sonno (Aims).

La qualità del loro sonno, infatti, è fondamentale per evitare che la pressione arteriosa si impenni, con conseguenze che arrivano fino all'attacco cardiaco potenzialmente mortale.
Per mettersi al sicuro, però, un sonnellino pomeridiano non basta: dormire di giorno non è lo stesso che farlo di notte, perchè il sonno diurno non è in grado di ristabilire del tutto l'equilibrio fisiologico garantito da un corretto ritmo sonno-veglia.
Il consiglio giusto per tutti? Imparare a staccare la spina, adottare ritmi lavorativi equilibrati e prendersi tempo per se stessi. Sembra banale, ma può salvare addirittura la vita.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AdnKronos Salute

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti