Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Oggetti di uso quotidiano inquinati. Bimbi in pericolo?

di
Pubblicato il: 24-03-2006
Sanihelp.it - Una ricerca dell’università di Liverpool ha analizzato le diverse tossine presenti negli oggetti di uso quotidiano come i prodotti cartacei, in plastica e alimentari. La conclusione è stata che questi oggetti potrebbero avere effetti negativi sui nascituri.

L'équipe ha condotto una meta-analisi su banche dati biomediche nel tentativo di spiegare l'attuale tasso di tumori. I test effettuati sugli inquinanti ambientali, quali le organoclorine, hanno fornito risultati inconcludenti, ma l'équipe ha analizzato gli elementi emersi dagli studi accostandoli a test animali e in-vitro. «Per quanto gli adulti in salute non siano a rischio, sembrerebbe che il feto in via di sviluppo, i neonati, i bambini e i ragazzi lo siano", sostiene la relazione dell'équipe, pubblicata nell'ultimo numero del "Journal of Nutritional and Environmental Medicine».

I ricercatori ritengono che un grado di predisposizione genetica, unito ad inquinanti ambientali comuni, prepari il terreno per lo sviluppo del tumore negli esseri umani. La relazione afferma che sono i membri più vulnerabili della società (il feto in via di sviluppo, il bambino e l'adolescente nell'età dello sviluppo e le persone predisposte geneticamente) che rischiano di sviluppare un tumore in seguito all'esposizione involontaria a contaminanti ambientali.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti