Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Pillola senza estrogeni, contraccezione per tutte

di
Pubblicato il: 18-04-2006
Sanihelp.it - Novità per le donne che desiderano utilizzare un metodo di contraccezione orale sicuro, ma non possono assumere estrogeni: ora esiste una pillola contraccettiva, in commercio in Italia dal 6 aprile, a base di solo progestinico.

La nuova pillola, a base di desogestrel, è indicata per le donne che non possono assumere estrogeni come ad esempio le donne che allattano, che fumano, che sono entrate in premenopausa o che soffrono di malattie autoimmuni e tromboemboliche, coma ha spiegato la dottoressa Rossella Nappi, ginecologa, endocrinologa e sessuologa presso l’Irccs Policlinico S.Matteo dell’Università degli studi di Pavia, durante il simposio sulla contraccezione «Modern contraception: meeting women’s needs» al 19° Congresso Europeo di Ostetricia e Ginecologia.

Come per i contraccettivi combinati (estrogeno + progestinico), la pillola a base di solo desogestrel agisce principalmente attraverso l'inibizione dell'ovulazione e modifica le caratteristiche del muco cervicale, rendendolo inadatto alla risalita degli spermatozoi. Il desogestrel, però, rispetto alle pillole tradizionali presenta una minore androgenicità e minori effetti indesiderati (nausea, cefalea, tensione mammaria, acne, impatto metabolico).

La pillola a base di solo desogestrel si assume tutti i giorni per 28 giorni senza sospensioni, alla stessa ora. In caso di dimenticanza, così come per le pillole combinate, si può mantenere la copertura contraccettiva assumendo la pillola entro 12 ore dall’orario previsto.
Caratteristica dei contraccettivi a base di solo progestinico è quella di poter determinare irregolarità del profilo mestruale quali spotting o amenorrea.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti