Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Televisione e comportamenti sessuali degli adolescenti

di
Pubblicato il: 08-07-2002

Una ricerca recente rivela che gli adolescenti che guardano trasmissioni televisive ad elevato contenuto erotico, sono più svegli, sessualmente, rispetto ai loro coetanei che guardano programmi televisivi tradizionali.

Sanihelp.it - Una ricerca recente rivela che gli adolescenti che guardano trasmissioni televisive ad elevato contenuto erotico, sono più svegli, sessualmente, rispetto ai loro coetanei che guardano programmi televisivi tradizionali.

La Dott.ssa Cheryl L. Somers della Wayne State University di Detroit, ha scoperto che il legame tra programmi erotici e sesso reale, risulta più evidente in certi gruppi giovanili quali i latino-americani.

Il quesito aperto è se sono i programmi televisivi ad influenzare i comportamenti degli adolescenti, o se invece sono i giovani più precoci ad essere attratti dalle trasmissioni ad alto contenuto erotico.

Per rispondere alla domanda, ovvero se i ragazzi prima scoprono il sesso e poi sono attratti dai media o viceversa, la dottoressa ha effettuato un sondaggio su 672 adolescenti tra i 14 ed i 17 anni.

Le domande riguardavano i programmi televisivi seguiti ed i comportamenti sessuali, inclusa l’età del primo rapporto, il numero di partners e la frequenza degli appuntamenti.

La Somers ed il suo co-autore, Joshua Tynan, dopo aver determinato la natura dei differenti show televisivi, hanno chiesto agli studenti una valutazione dei programmi in base alla loro quantità di dialoghi e contenuti sessuali. I programmi più votati, classificati come i più erotici, includevano, ad esempio,“Sex and the City” etc.

I risultati sono stati presentati al recente meeting annuale della Society for Research on Adolescence, tenutosi a New Orleans.

I due ricercatori hanno rilevato che gli adolescenti più interessati ai programmi erotici, erano anche più stimolati ad una maggiore attività sessuale. La relazione sembrava più marcata tra i ragazzi di ceppo Ispanico-mediterraneo.

Nelle ragazze Latino-americane maggiormente interessate a programmi sexy, si è rilevato che il primo rapporto sessuale avviene ad una età minore; nei ragazzi, invece, si riscontra più “fantasia “nei rapporti sessuali. I ragazzi intervistati appartenevano, per la maggior parte, alle fasce più basse di reddito della popolazione e vivevano in aree urbane.

La Somers ha anche scoperto che tra gli adolescenti di fascia media,che vivono in provincia, le ragazze che guardano trasmissioni “spinte” tendono ad avere più partners sessuali, succede invece l’opposto per i maschi che riferiscono un numero minor di compagne.

Secondo la Somers, “I ragazzi guardano invece di agire, mentre le ragazze guardano e agiscono”.
Anche se non è stato chiarito se venga prima l’attività sessuale o la propensione alla visione dei programmi erotici, i genitori dovrebbero monitorare le abitudini televisive dei loro figli. Il consiglio potrebbe essere quello di non vietare la visione dei programmi televisivi con scene di erotismo, ma spiegare loro come questi programmi possano influenzare il carattere di una persona e, soprattutto, non imbarazzarsi quando i figli vogliono parlare di sesso in ambito familiare.

Gli adolescenti sono biologicamente pronti per il sesso sia con il corpo sia con il cervello ma l’educazione sessuale fornita dai genitori diventa determinante; gli adolescenti sono infatti spesso “spaesati” passando dalla finction alla realtà.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti