Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Investimenti e salute, l'Italia si prepara a risalire

di
Pubblicato il: 10-05-2006
Sanihelp.it - Negli investimenti in prevenzione sanitaria, l’Italia è all’ultimo posto nell’area OCSE, ben distanziata da paesi europei quali Olanda, Germania e Francia ma alle spalle anche di Turchia, Messico e Corea.
Una preoccupante maglia nera che il nostro Paese si è conquistata destinando alle misure per preservare lo stato di salute dei cittadini appena lo 0,6 per cento della spesa sanitaria, rispetto a una media OCSE che è pari al 2,9 per cento.

L’esigenza di costruire un Servizio sanitario nazionale sempre più imperniato sulla centralità dei cittadini-pazienti, e in grado quindi di rispondere meglio ai loro bisogni di salute è il compito intorno al quale hanno lavorato rappresentanti di associazioni di cittadini e pazienti coinvolti nel tavolo tecnico «Una sanità al Servizio dei cittadini», uno dei sette forum di discussione e proposta istituito nell’ambito di Meridiano Sanità - il progetto promosso da Ambrosetti - The European House per delineare un nuovo modello di assistenza sanitaria nel nostro Paese.

«Centralità significa in primo luogo che il cittadino ha diritto ad accedere a un sistema socio-sanitario fondato e organizzato sui suoi bisogni, che promuova e tuteli la sua salute secondo i principi di equità, universalità e solidarietà», ha affermato Stefano Inglese, del Tribunale dei Diritti del Malato-Cittadinanzattiva.

Secondo gli esperti, la riorganizzazione dell’assistenza passa dalla razionalizzazione della rete ospedaliera, sulla base di un modello che tenga conto delle reali esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, ma anche dalla sperimentazione sistematica delle unità di assistenza primaria e dalla chiarificazione dei diritti dei cittadini in termini di assistenza sociale.

L’altro grande tema in discussione è quello dell’informazione e dell’educazione del cittadino e della sua partecipazione ai processi decisionali, anche attraverso programmi di formazione alla salute all’interno delle scuole.

Queste proposte orienteranno il progetto organico di riforma del sistema sanitario elaborato dall’Advisory Board di Meridiano Sanità, di cui fanno parte Umberto Veronesi, Elio Guzzanti, Innocenzo Cipolletta e Giacomo Vaciago.
La proposta finale sarà presentata il 5 ottobre a Villa d’Este a Cernobbio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti