Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Contraccezione, una scelta di vita

di
Pubblicato il: 05-05-2006

Per decidere di affidarsi alla contraccezione ormonale, e trovare il metodo più adatto, servono cuore, mente e corpo. Una scelta complessa da fare in due, anzi in tre

Sanihelp.it - La scelta contraccettiva è un processo estremamente complesso, che coinvolge dimensioni cognitive, fisiche ed emotive. Basti pensare che l'utilizzo della contraccezione ormonale sicura ha rivoluzionato la vita di milioni di donne in tutto il mondo, e ha posto la maternità sul piano della scelta consapevole e non del destino biologico.
Questo ha influenzato la pianificazione delle tappe critiche della vita femminile, il ruolo della donna nel mondo del lavoro e la sfera della sessualità, permettendo di vivere l'eroticità in modo più libero, spezzando il legame tra sesso e riproduzione

La scelta del contraccettivo ideale, la motivazione all'utilizzo e l'accettabilità nel tempo dipendono dunque da tre sfere interdipendenti.
La contraccezione si sceglie innanzitutto con la testa, sulla base delle proprie conoscenze, dell'orientamento culturale, delle esigenze individuali e di coppia, del ragionamento clinico legato ad eventuali patologie riproduttive.
Ma la contraccezione è anche una scelta dettata dal corpo, perchè è attraverso di esso che si percepiscono gli effetti buoni, di protezione e terapeutici, ed eventualmente gli effetti cattivi, collaterali.
Infine, la contraccezione è una scelta di cuore, per chè si fa per amore di sè, del partner, della salute e della vita.

Se la protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili necessita di una scelta orientata verso i metodi di barriera come il preservativo, i metodi ormonali rappresentano una scelta comoda e sicura per le coppie consolidate, e per chi necessiti di specifiche indicazioni terapeutiche.
Nonostante ciò, molte donne, soprattutto giovani, esprimono ancora oggi una certa perplessità nei confronti della contraccezione ormonale, tendendo spesso ad amplificare gli effetti collaterali e a sminuire gli effettivi vantaggi in termini di salute riproduttiva e non.
Questo può derivare dal fatto che la contraccezione ormonale viene vissuta a volte come manipolazione esterna del corpo, anzichè come strumento utile per il controllo della maternità, dell'eroticità, della salute sessuale e dell'estetica cutanea.

Per far sì che le donne abbandonino questi conflitti infondati, vivendo con consapevolezza i benefici della scelta contraccettiva e comprendendo che non esistono rischi per la loro salute futura, è fondamentale la diffusione di una corretta informazione medica, che permetta di vivere la contraccezione in armonia con la femminilità e in linea con le esigenze personali.

Al ginecologo, in particolare, spetta il compito di esplorare insieme alla paziente le possibilità di scelta e le necessità specifiche, concordando strategie e mete terapeutiche personalizzate e tornando ad essere, in accordo con il termine stesso, il medico della donna nel suo complesso: corpo, mente e cuore.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
La scelta contraccettiva: un affare di testa, di corpo e di cuore di Rossella Nappi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti