Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cambia aria... in casa tua

di
Pubblicato il: 27-06-2006

Sigarette, smog, gas tossici: inorridisci al pensiero di respirare tutto questo? Rassegnati: casa tua non è immune da agenti inquinanti. Consigli anti-avvelenamento.

Sanihelp.it - Non immaginiamo neppure lontanamente quanto possa essere inquinata l’aria che respiriamo tra le mura di casa nostra.
Sigarette a parte, ci sono tanti fattori inquinanti nell’ambiente domestico: la formaldeide, che si sprigiona da certi articoli in legno, altre sostanze chimiche gassose emesse da moquette, tappezzerie, fotocopiatrici, detersivi e dagli abiti appena lavati a secco, il monossido di carbonio e il biossido di azoto, due gas tossici, esalati dai vari tipi di stufe, dai fornelli a gas e dai camini a legna. Per non parlare di polvere, acari, umidità, muffe, ozono, piombo, amianto, residui di pesticidi e, in alcune zone, esalazioni di radon.

L’effetto di un’aria tossica in casa possono essere devastanti per il nostro organismo: bruciore agli occhi, mal di gola, tosse, prurito, cefalea, stanchezza cronica, nausea, vertigini, depressione.
Perché succede tutto questo? Perché l’organismo per funzionare ha bisogno di ossigeno (che viene assorbito attraverso i polmoni e quindi ceduto ai globuli rossi che lo trasportano alle cellule di tutti gli organi), e tutto ciò che compromette l’afflusso di ossigeno ai polmoni o la sua trasmissione alle cellule nuoce alla salute.

Come ci si può difendere e assicurarsi di respirare una buona aria in casa? Con queste 10 regole d’oro.

  1. Vietare il fumo negli ambienti chiusi (anche quello passivo è nocivo).
  2. Far revisionare regolarmente gli impianti di riscaldamento e condizionamento dell’aria.
  3. Controllare periodicamente le canne fumarie.
  4. Fare uso moderato di deodoranti per ambienti, insetticidi ecc.
  5. Evitare di lasciare un veicolo con il motore acceso nel garage sotto casa o vicino a una finestra aperta.
  6. Arieggiare i locali almeno una volta al dì, meglio se al mattino presto o di notte (le particelle di smog diminuiscono al calar del sole).
  7. Dormire con una finestra aperta e lasciare aperta la porta della camera da letto in modo da far circolare l’aria.
  8. Fare qualche respirazione profonda più volte al giorno, per procurarsi una dose extra di ossigeno e scaricare l’anidride carbonica.
  9. Fare sport, che dà il pieno di ossigeno, dilata i vasi sanguigni e accelera il transito dei globuli rossi che portano l’ossigeno a tutte le parti del corpo.
  10. Disporre una pianta d’appartamento almeno ogni 10 metri quadrati di superficie: le piante eliminano molte impurità presenti nell’aria, rinnovano l’ossigeno della casa e sono ottime erogatrici di ioni negativi (quelli dell’aria buona, che rinfresca e ricarica).


Un’ultima parola sugli impianti di depurazione dell’aria: sono costosi, complicati, sporcano e molti hanno una portata limitata. Tuttavia, le persone allergiche o con problemi respiratori spesso li trovano utili. Il loro impiego è raccomandato in particolare per il fumo di sigaretta.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Decidi di star bene, Luciana Baroni, Hans Diehl, Edizioni Sonda

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti