Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Indice glicemico basso, dimagrimento più facile

di
Pubblicato il: 30-08-2006
Sanihelp.it - La dieta migliore per perdere peso? Secondo uno studio pubblicato sugli Archives of Internal Medicine, è quella basata su un elevato apporto di carboidrati a basso indice glicemico.

infatti, la riduzione del carico glicemico favorirebbe la perdita di massa grassa, soprattutto nelle donne. Durante la ricerca sono stati reclutati 129 individui sovrappeso o obesi (BMI maggiore di 25) di età compresa tra i 18 e i 40 anni, ai quali è stata assegnata, per 12 settimane, una tra le quattro diete in esame: la 1 e la 2, ad alto contenuto di carboidrati (rappresentavano il 55% dell’introito totale), ma che comprendevano, rispettivamente, cibi ad alto e a basso indice glicemico (GI); la 3 e la 4, ad alto contenuto proteico (circa il 25% dell’introito energetico totale), comprendenti rispettivamente cibi ad alto e basso indice glicemico.

Tra le quattro diete non vi erano differenze per quanto riguarda il tipo e la quantità (circa il 33% dell’introito totale) dei grassi contenuti e di fibra; il carico glicemico era massimo nella dieta 1 e minimo nella 4.
I parametri misurati erano il peso corporeo, la composizione corporea e i livelli sanguigni di glucosio, lipidi, acidi grassi liberi, leptina.

Al termine delle 12 settimane, la perdita di peso è stata simile per i 4 gruppi (dal 4,2% al 6,2%), ma la perdita di massa grassa ha fatto riscontrare notevoli differenze, soprattutto nelle donne.
Quelle che seguivano la dieta 2 (elevato contenuto di carboidrati a basso GI) e la dieta 3 (elevato contenuto di proteine e carboidrati ad elevato indice glicemico) hanno perso circa l’80% di massa grassa in più, rispetto a quelle della dieta 1, ricca di carboidrati ad elevato indice glicemico.

Ciò dimostra che la perdita di massa grassa sembrerebbe favorita sia da un regime dietetico ad alto contenuto proteico, sia da una dieta con cibi a basso indice glicemico. La maggiore protezione cardiovascolare si avrebbe, invece, seguendo una dieta ricca di carboidrati a basso GI.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
NFI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti