Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ripartono le scuole: ecco i consigli dei pediatri

di
Pubblicato il: 11-09-2006
Sanihelp.it - Il suono della prima campanella dell'anno si avvicina, e con esso il piccolo esercito di alunni pronti ad affrontare la prima elementare.
Per loro, e per i loro genitori spesso ben più spaventati, ecco il decalogo di consigli stilato dagli esperti psicologi dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

1. Favorire, con parole e comportamenti, la naturale curiosità dei bambini, manifestando interesse e curiosità e scoprendo insieme le cose nuove (sui libri, internet, videocasssette ecc..); includendo nel tempo libero e nelle vacanze anche visite guidate a musei, acquari e mostre (ce ne sono di specializzati per i bambini).
2. Partecipare a diversi momenti di possibile apprendimento: trovando spazi per la lettura insieme, magari di libri scelti insieme in libreria; individuando insieme i programmi tv educativi da condividere inizialmente nella visione.
3. Alternare le diverse fasi della giornata del bambino: abituandolo a momenti di silenzio, a stare solo per sapersi organizzare giochi e attività autonome; educandolo a momenti di attività tranquille che richiedono attenzione e concentrazione.
4. Curare insieme il materiale scolastico e il suo angolo studio, richiedergli gradualmente l'autonomia e la responsabilità in questo compito.
5. Stabilire sempre lo stesso orario per lo studio preceduto da un momento di riposo ed attività tranquille e seguito da giochi ed impegni più intensi.
6. Parlare di quello che si è fatto a scuola condividendolo nei momenti in cui tutta la famiglia è riunita. Si deve far sentire al bambino che genitori ed insegnanti sono alleati nel comprendere e risolvere le sue difficoltà.
7. Ponderare serenamente l’esito dell'attività scolastica: riconoscere i suoi successi, non sopravvalutare i risultati, apprezzare quello che di nuovo si è appreso. Anche i risultati negativi non vanno sottovalutati: insieme bisogna capirne il perché e trovare per tempo la causa e le possibilità di soluzione anche con l'aiuto dell'insegnante e dello psicologo.
8. Porre attenzione al senso di colpa che il bambino può avere rispetto all'insuccesso ed al possibile senso di inadeguatezza o insicurezza personale.
9. Non svalutare mai il lavoro o il comportamento degli insegnanti davanti al bambino. Se non si è d'accordo, parlare con l'insegnante o il responsabile della scuola.
10. Cercare di essere sempre informati sulle attività svolte dagli insegnanti a scuola. Collaborare, quando possibile e in accordo con i docenti, ad attività integrative apportando eventuali contributi personali e professionali per far comprendere al bambino che la scuola è parte della società a cui tutti apparteniamo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti