Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori rari: migliorano le cure con la rete di assistenza

di
Pubblicato il: 20-10-2006
Sanihelp.it - Le forme tumorali sono diverse. Alcune sono, ahinoi, molto diffuse e conosciute, molte altre invece si presentano con meno frequenza e per questo vengono definite rare. Lo studio e lo sviluppo di terapie per questi tumori è quindi ostacolato dal difficile confronto di casi simili.
Per facilitare la cura anche di queste tipologie di tumore è stata costituita la Rete nazionale tumori rari che unisce più di 100 strutture oncologiche italiane. La Rete è finalizzata al miglioramento dell'assistenza ai pazienti con tumori rari, attraverso la condivisione a distanza di casi clinici, l'assimilazione della diagnosi e del trattamento secondo criteri comuni, il razionale accesso dei pazienti alle risorse di diagnosi e cura. Attraverso di essa attualmente sono gestiti alcune centinaia di pazienti provenienti da tutte le regioni italiane.
Dell'iniziativa se ne è discusso in questi giorni a Milano presso L'istituto nazionale dei tumori. «La Rete nasce da un bisogno reale di confronto tra esperti nazionali, a favore del paziente», sottolinea il dottor Paolo Casali dell'Istituto nazionale dei tumori, «in quanto i tumori rari sono rari solo se li si considera singolarmente, ma non nel loro insieme. L’incidenza cumulativa di tutti i tumori rari solidi dell’adulto, cioè i tumori considerati in questo Convegno, può equivalere perlomeno a quella di un tumore frequente. In pratica, circa il 13% dei tumori è di fatto costituito da tumori rari solidi dell’adulto: dunque costituiscono un problema anche numericamente rilevante».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti