Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ridurre il seno diminuisce il rischio di tumore

di
Pubblicato il: 02-11-2006

Incredibile: un intervento con finalità estetiche come la mastoplastica riduttiva può ridurre di addirittura un terzo il rischio di sviluppare un carcinoma mammario.

Sanihelp.it - Negli ultimi anni sono stati effettuati importanti studi epidemiologici, con lo scopo di valutare il rischio di cancro al seno nelle donne sottoposte a riduzione mammaria e confrontarlo con quello della normale popolazione femminile. Si tratta di un dato estremamente importante, soprattutto per le donne con familiarità per il tumore al seno, che hanno spesso timore al momento di decidere se effettuare o meno una riduzione mammaria per ragioni estetiche. I risultati degli studi, pubblicati sulle più importanti riviste scientifiche mondiali, hanno fornito un quadro abbastanza sorprendente, che evidenzia come un intervento con finalità puramente cosmetiche possa essere in grado di ridurre di circa un terzo il rischio di sviluppare un tumore.

Il più esteso degli studi, effettuato su un campione di 31.910 donne svedesi precedentemente sottoposte a mastoplastica riduttiva, ha evidenziato una riduzione del rischio di carcinoma mammario pari al 28%. La riduzione del rischio, come è forse intuitivo, è risultata maggiore per le donne alle quali era stata rimossa una maggiore quantità di tessuto mammario, e, più inaspettatamente, per le donne che hanno effettuato la riduzione mammaria all' età di 50 anni o superiore. Un precedente studio, su un campione di 1.240 donne danesi, aveva fornito risultati sostanzialmente equivalenti, mentre la valutazione del rischio su una popolazione di 28.042 donne canadesi aveva fornito, nel 1999, una riduzione del rischio addirittura pari al 39%.

In conclusione: la riduzione mammaria ha evidenziato, oltre ai suoi effetti puramente estetici, la capacità di ridurre significativamente (1/3) il rischio di sviluppare un carcinoma mammario, soprattutto nei casi in cui il volume di tessuto mammario asportato è rilevante. La più importante rivista scientifica del settore, Cancer, ha pubblicato un articolo che indica chiaramente come questo intervento possa essere indicato per donne con forte predisposizione genetica al carcinoma mammario. L'aver effettuato un intervento di riduzione mammaria, infine, non compromette la diagnosi o la prognosi di un carcinoma mammario nel caso questo si sviluppi comunque.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:
Messaggio promozionale



Promozioni:

Commenti