Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Osteoporosi e dieta: frutta, verdura e cereali potrebbero ridurre l'assottigliamento osseo

di
Pubblicato il: 16-07-2002

Le persone di una certa età che trascurano il consumo di frutta e verdura e mangiano troppi cioccolatini e caramelle, potrebbero incorrere maggiormente nel rischio di fratture per assottigliamento delle ossa.

Sanihelp.it - I rilievi dei ricercatori forniscono ulteriori informazioni sul modo di proteggerci contro l’osteoporosi: la malattia che rende fragili le ossa e che colpisce molte persone anziane.

La Dott.ssa Katherine L. Tucker, e i suoi colleghi della Tufts University di Boston in Massachussetts, notano che, mentre è stato accertato che il calcio e la vitamina D possono contribuire a preservare la buona salute delle ossa, non sono stati presi in considerazione gli effetti di altri nutrienti. Secondo i ricercatori, l’osso è un tessuto vivente complesso ed è probabile che per il suo sostentamento sia necessario un ampio spettro di micronutrienti.

Durante la ricerca, la Dott.ssa Tucker e i suoi colleghi, esaminarono la dieta di più di 900 uomini e donne di età compresa tra i 69 e i 93 anni, misurandone la densità ossea in differenti zone dello scheletro.
Sulla base del tipo di cibo, che costituiva la fonte calorica primaria dei soggetti esaminati, le diete furono divise in 6 gruppi:
  • carne, latticini e pane
  • carne e prodotti dolciari da forno
  • prodotti dolciari da forno
  • bevande alcoliche
  • dolciumi; frutta, verdura e cereali.
I ricercatori hanno preso in considerazione anche altri fattori influenzanti l’osteoporosi, quali l’utilizzo di integratori di calcio e di vitamina D, l’esercizio fisico, il fumo e l’indice di massa corporea (BMI), che indica la relazione tra il peso e l’altezza.

Secondo la relazione pubblicata nell’ “American Journal of Clinical Nutrition” del mese di luglio, gli uomini con un consumo più alto di frutta, verdura e cereali, presentavano una maggiore densità ossea complessiva in confronto a coloro che seguivano diete meno salutari.

Le donne la cui dieta era basata prevalentemente sui dolciumi, presentavano una ridotta densità minerale ossea nella maggior parte delle zone dello scheletro esaminate. La densità minerale ossea dell’anca è risultata infatti essere inferiore, quasi del 12%, rispetto alle donne che consumavano regolarmente frutta, verdura e cereali.

Sebbene i benefici di un’alimentazione basata su frutta, verdura e cereali fossero più evidenti nelle donne che negli uomini, le donne tendevano ad avere una densità ossea media più alta di tutti gli altri.

Le donne la cui dieta prevedeva un consumo di bevande alcoliche, pari a circa 2 bicchieri al giorno, tendevano ad avere una alta densità minerale ossea in molte delle sedi esaminate attribuita, dai ricercatori, ad un potenziale effetto protettivo del moderato consumo di alcolici.

Secondo i ricercatori questi risultati dimostrano che una dieta a base di alte quantità di frutta, verdura e cereali e con pochi cibi di scarso valore nutritivo, potrebbe migliorare la densità minerale ossea nelle persone di una certa età.
Sono invece necessari ulteriori studi per chiarire gli effetti delle bevande alcoliche sull’osso.

Tratto da “American Journal of Clinical Nutrition ” (anno 2002)


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti