Logo
Logo
Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Video
Gallery - Copia il vip
Home > News e Articoli > Articolo

Alluce valgo: si risolve senza operarsi

di
Pubblicato il: 29-06-2009

Chi soffre di alluce valgo pensa che l'unica soluzione possibile sia l'intervento chirurgico. In realtà l'operazione non è l'unica strada, esiste un rimedio più semplice.

Sanihelp.it - Fa male, anzi malissimo, e per le donne è motivo di disagio estetico e di limite nella scelta delle calzature. Si chiama alluce valgo e non è proprio una patologia, è meglio definibile come un sintomo, un forte dolore in corrispondenza della testa del primo metatarso, sia sotto sia sul lato mediale (interno).

Questa deformità è caratterizzata da sporgenza mediale della testa del primo metatarsale, accompagnata da gradi diversi di deviazione laterale e rotazione dell'alluce.
In parole semplici: sotto il primo metatarso (alluce) abbiamo 2 ossicini (sesamoidi) che hanno il compito di tenere sui binari la testa dell’alluce. Nell’alluce valgo invece l’alluce è deragliato e risulta storto (sublussato), fino ad accavallarsi sopra al secondo e anche al terzo dito!
È facile comprendere l’importanza della sintomatologia dolorosa di tale problema: in particolare il dolore è causato dall’infiammazione della borsa sovrastante, di solito traumatizzata dalla calzatura.

È bene precisare che non si nasce con l’alluce valgo. Si nasce piuttosto con una lassità muscolo-legamentosa con arco mediale, che cede sotto l’effetto del peso corporeo (piede piatto), oppure con un arco eccessivo che fa sì che tutto il peso si sbilanci sulle dita, in particolare il primo metarso.
In entrambi i casi, passo dopo passo, anno dopo anno, il dito si storce.

Che fare? Operarsi non serve, in quanto dopo qualche anno l’alluce valgo si riforma. Infatti il chirurgo si limita a tagliare l’osso e a raddrizzarlo: non è possibile rimodellare il piede con paziente fuori carico. Si opera la conseguenza a valle ma non la causa a monte.

La soluzione, più pratica e decisamente meno impegnativa del bisturi, è un plantare, un prodotto tridimensionale che sostiene l’arco, scarica il peso eccessivo sulle dita e accompagna durante il passo il primo dito: in questo modo toglie il dolore e blocca il processo di sublussazione (il dito non diventa sempre più storto).
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2014 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.25 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?


Commenti