Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumore al seno: meno rischi se si riducono i grassi

di
Pubblicato il: 01-02-2007
Sanihelp.it - Il consumo di grassi a tavola potrebbe essere collegato con lo sviluppo del tumore al seno. A sostenerlo è uno studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute, che ha esaminato il ruolo di una dieta a basso contenuto di grassi nella riduzione dell’incidenza di recidiva di tumore al seno, in donne precedentemente trattate per la cura di uno stadio precoce di tale neoplasia.

Nell’indagine sono state reclutate circa 2500 donne, il 40% delle quali è stato assegnato al gruppo di intervento con lo scopo di ridurre il consumo di grassi al 15% dell’introito calorico totale mediante incontri periodici con dietologi e corsi di formazione nutrizionale.
Il restante 60% costituiva invece il gruppo di controllo.

All’inizio dello studio, il consumo di grassi (56 g/dì, pari a circa il 30% delle calorie totali) e il peso corporeo erano simili nei due gruppi, ma dopo 1 anno le donne nel gruppo di intervento avevano ridotto il proprio apporto lipidico a 33 g/dì (circa il 20% delle calorie totali), rispetto ai 51 g/dì (circa il 29% dell’introito totale) del campione di controllo, e al termine dei 5 anni di follow-up le donne che seguivano il regime alimentare povero di grassi avevano perso quasi 3 kg in più rispetto al gruppo di controllo.

Inoltre, la recidiva di tumore al seno si è verificata nel 9,8% delle partecipanti assegnate all’intervento (96 su 975) e nel 12,4% (181 su 146) delle donne inserite nel gruppo di controllo. In conclusione, ridurre la percentuale di grassi introdotti con la dieta abbasserebbe il rischio di recidiva di tumore al seno del 24%.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
NFI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti