Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Influenza 2006-2007: colpiti solo i bambini piccoli

di
Pubblicato il: 28-02-2007

L'influenza è passata, ma attenzione alle forme parainfluenzali che si potranno confondere con le allergie ai pollini. Il clima pazzerello mischia le carte.

Sanihelp.it - Lo avevamo già detto ai primi di gennaio e adesso possiamo confermarlo con assoluta certezza: nonostante il nuovo ceppo virale in circolazione, l’H3N2 Wisconsis, l’epidemia influenzale 2006-2007 non è esplosa. Meglio per tutti, sia chiaro. Ma cerchiamo di capire perché e, soprattutto, se dobbiamo aspettarci un colpo di coda dell’inverno.

A spiegarcelo è il dottor Fabrizio Pregliasco, del Dipartimento di Sanità Pubblica - Microbiologia - Virologia Università degli Studi di Milano.

«Non è stato quel gran disastro che si poteva immaginare visto il tipo di virus relativamente nuovo. Il motivo è essenzialmente climatico, le temperature miti, e la mancanza di giornate fredde consecutive non hanno permesso ai virus influenzali di diffondersi. Il picco stagionale è stato registrato la settimana scorsa, con 7.6 casi per 1000 abitanti».

La fascia di popolazione più colpita è stata quella dei bambini dai 0 ai 4 anni. «durante la settimana di picco», precisa Pregliasco,«abbiamo registrato 20 casi per 1000 abitanti, il motivo di questa maggiore diffusione è da ricondurre al nuovo ceppo virale».

Dal punto di vista dei sintomi, non ci sono particolarità da segnalare, si tratta di un’influenza classica che però è stata affiancata da diverse forme parainfluenzali e da infezioni gastroenteriche.

L’epidemia si concluderà nelle prossime settimane, resteranno ancora attive queste forme parainflunezali causate dagli sbalzi di temperatura. «Attenzione a non confonderle con le prime forme di pollinosi che, sempre a causa del clima, si mostreranno in anticipo». Avverte il virologo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti