Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le tue domande sull'intervento al seno: prima parte

di
Pubblicato il: 06-03-2007

Tanti dubbi sull'intervento di ingrandimento del seno. Qui trovi tutte le risposte che cerchi.

Sanihelp.it - L’ingrandimento del seno è un intervento doloroso?
Grazie alle nuove tecniche di anestesia locale con sedazione, e per l’utilizzo di anestetici locali nella zona trattata, il dolore post-operatorio è generalmente modesto e molto ben tollerato: la maggior parte delle clienti riferisce di una situazione di tensione a livello della regione pettorale, che scompare spontaneamente dopo qualche giorno.

La Mastoplastica garantisce al seno un mantenimento del volume nel tempo?
Si. Diversamente dal seno naturale, le protesi mammarie non subiscono variazioni in seguito a gravidanze e dimagrimento, quindi il maggior volume ottenuto grazie all’intervento rimane invariato nel tempo.

È sempre necessario operare entrambe le mammelle?
Le due mammelle sono indipendenti e possono essere operate singolarmente, o in maniera diversa tra di loro, quando è necessario correggere asimmetria, differenza di forma e volume.

L'intervento di Mastoplastica può compromettere gravidanza e allattamento?
La Mastoplastica Additiva, se eseguita correttamente, non preclude la possibilità di allattare. È però consigliabile limitare l'allattamento per non danneggiare il seno dal punto di vista estetico (maggiore rischio di smagliature, maggiore rilassamento cutaneo). Lo stesso discorso vale per la gravidanza: in un seno che aumenta molto di volume, se ci sono anche delle protesi c'è solo un maggiore rischio di un peggioramento estetico. Per contro, in molte donne non ci sono modifiche dell'aspetto del seno che resta bello e tonico come prima, come accade col seno naturale che, dopo la gravidanza e l'allattamento, a seconda dei casi, può essere perfettamente integro oppure sgonfio e rilassato.

La gravidanza danneggia il seno con le protesi? Se il volume del seno è in gran parte dovuto alla protesi, il rischio di caduta è decisamente minore e il volume rimane invariato.

Si può allattare dopo l’intervento?
Si, la protesi viene inserita sotto la ghiandola mammaria proprio per non interferire con il suo sviluppo durante la gravidanza.

È vero che un seno rifatto si riconosce sempre al tatto?
No. Oggi, con gli impianti protesici di ultima generazione, in particolare al silicone testurizzato, si assicura notevole naturalezza anche al tatto. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:
Messaggio promozionale



Promozioni:

Commenti