Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ictus, il rischio si misura in centimetri

di
Pubblicato il: 08-03-2007
Sanihelp.it - La valutazione del rapporto tra vita e anca potrebbe essere un buon marcatore del rischio di ictus. A sostenerlo è uno studio presentato al meeting annuale dell'American Academy of Neurology.
Partendo dal presupposto che l'obesità è un fattore di rischio ormai ben noto per le malattie cardiovascolari e di mortalità in generale, i ricercatori del Columbia-Presbyterian Medical Center di New York hanno condotto uno studio caso-controllo di popolazione per capire il ruolo del rapporto vita/anca (fattore indipendente dall'indice di massa corporea, ma comunque correlato all'obesità) nell'individuare i soggetti con maggiore rischio di ictus.
I ricercatori hanno esaminato 576 vittime di ischemia cerebrale e 1142 soggetti di controllo. Questi i risultati: il rapporto medio vita/anca era maggiore in chi aveva avuto un ictus.
Secondo gli autori, tale rapporto può essere considerato un fattore di rischio indipendente dall'indice di massa corporea, che infatti risultava maggiore nella popolazione di controllo. Sarebbe quindi importante per individuare i pazienti a rischio che sono di peso normale o sovrappeso, ma non obesi.
«Il rapporto vita/anca è comunque un elemento legato al sovrappeso», nota il professor Gian Franco Gensini, direttore della Clinica Medica Generale e Cardiologica dell'Università di Firenze e presidente dell'Italian Stroke Forum, «Il rapporto fra queste due circonferenze dà un'indicazione di obesità o sovrappeso centrale, importante perché è quella maggiormente correlata alla tendenza all'ipertensione: per questo, può avere in effetti un valore aggiuntivo rispetto alla semplice valutazione dell'indice di massa corporea».
 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Associazione nazionale specialisti scienza alimentazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti