Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dove agiscono i probiotici

di
Pubblicato il: 19-03-2007

Dalla cura di diarrea e stitichezza alla prevenzione di tumori e allergie: ecco tutti i benefici dei probiotici, i batteri amici dell'intestino e della salute

Sanihelp.it - Per capire l'importanza dell'azione dei probiotici sulla salute, bisogna risalire molto indietro nel tempo, precisamente alla vita intrauterina.
Nel periodo della gestazione, il feto non ha batteri. Il suo primo contatto con essi avviene nel canale del parto, oppure, in caso di parto cesareo, nell'ambiente stesso.
Il neonato ingerisce un gran numero di batteri, che lottano tra di loro per conquistare spazio sulla parete del tratto digestivo. Dopo un iniziale assestamento, tra le circa 500 specie di batteri intestinali si crea un sostanziale equilibrio: batteri benefici e batteri nocivi si stabilizzano, e la situazione appare normale.
I batteri buoni, come lattobacilli e bifidobatteri, digeriscono gli alimenti nell'intestino crasso, producendo sostanze utili come le vitamine e gli acidi grassi, e svolgono un'importante azione immunostimolante, che aiuta l'organismo a tenere a bada i batteri infettivi.
A volte, però, alcune condizioni come malattie, stress, invecchiamento, dieta errata e abuso di antibiotici possono influire negativamente sull'equilibrio dei batteri presenti nell'apparato intestinale, abbassando il livello di salute ad una soglia sub-ottimale.
Ed è qui che entrano in gioco i probiotici: proteggendo l'equilibrio della flora intestinale, contribuiscono alle difese naturali e permettono di ritornare a uno stato di salute ottimale. Ma non solo. È scientificamente dimostrato (Studio De Preter 2004-2006 per Yakult) che il consumo di probiotici protegge dalla proliferazione di batteri putrefattivi e dall'accumulo di sostanze tossiche nell'intestino crasso, contrasta efficacemente la stitichezza e la diarrea e favorisce l'inibizioe dell'Helicobacter pylori.

In più, secondo studi condotti dalla multinazionale giapponese Yakult, produttrice dell'omonimo integratore probiotico, l'assunzione di probiotici svolgerebbe un'azione preventiva nei confronti del carcinoma vescicale, grazie alla notevole riduzione di alcuni enzimi a esso collegati.
Recentemente, poi, è stato pubblicato uno studio randomizzato su larga scala (Ishikawa, 2005), nell'ambito del quale è stato analizzato l'effetto dei probiotici su soggetti sottoposti a intervento chirurgico per l'asportazione di tumore colorettale. Dopo 2 e 4 anni, è stato rilevato che il gruppo cui erano stati somministrati probiotici Lactobacilliu casei del ceppo Shirota, aveva fatto registrare un'occorenza di neoplasie atipiche in musira considerevolmente inferiore rispetto al gruppo di controllo.

Anche per questi motivi, i probiotici rappresentano oggi uno dei settori di ricerca più promettenti in campo alimentare, e promettono interessanti sviluppi su molti aspetti legati alla prevenzione delle malattie e in particolare delle forme allergiche.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti