Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sesso-dipendenza: la situazione in Italia

di
Pubblicato il: 20-03-2007

Si stima che il 5,8% degli italiani abbia problemi di dipendenza sessuale. I maschi sono più coinvolti delle femmine. Ecco i dati di una recente ricerca.

Sanihelp.it - Uomo, tra i 36 ed i 50 anni, residente al nord Italia, con licenza media inferiore, separato o vedovo. Ecco il normotipo del dipendente sessuale tracciato in seguito alla ricerca Sex Addiction Inventory del 2004 (SAI-2).

Lo studio condotto dal dottor Franco Avenia e dalla dottoressa Annalisa pistuddi dell’Associazione italiana per la ricerca in sessuologia (AIRS) ha esaminato 1046 questionari provenienti da 10 province (Bari, Belluno, Milano, Pesaro-urbino, Ravenna, Forlì, Roma, Cagliari, Udine, Venezia). Il 53,5% del campione era di sesso maschile il 46,5% di sesso femminile.

Lo studio indica un numero di persone dipendenti da sesso parti al 5,8%, questo dato conferma dati americani e il precedente studio (SAI-1) condotto nel 2002 che aveva indicato una percentuale pari al 5,75%

Oltre alla presenza di dipendenza da sesso è stato valutato anche il comportamento limite detto anche comportamento a rischio o border-line, che è stato riscontrato nell’8,3% degli intervistati.

Molto differente la situazione tra uomini e donne. La dipendenza da sesso sembra essere un discorso prevalentemente maschile infatti si parla del 10.3% degli uomini contro il 2% delle donne e anche per quanto concerne il comportamento a rischio il divario è molto alto: per gli uomini siamo al 13,6% degli uomini mentre per le donne si stima il 3,8%.

Per quanto riguarda la fascia di età quella dove si presentano più casi va dai 36 ai 50 anni con il 6,3% dei casi. La fascia di età con il maggior numero di soggetti a rischio è quella dei minori di 26 anni con l’11% rispetto al totale.

Al crescere del titolo di studio sembra diminuire la percentuale di sesso-dipendenti anche se il maggior numero di persone con comportamenti limite hanno il diploma di maturità. C’è una lieve differenza in base allo stato civile, tra gli accoppiati siamo a quota 5% mentre per i single la percentuale sale all’8%. Per quanto riguarda il single è più frequente trovare un sesso-dipendente vedovo piuttosto che nubile o celibe.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIRS

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti