Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Proteggi così il tuo animale dalle infestazioni

di
Pubblicato il: 10-04-2007

Pulci, zecche e pidocchi possono colpire il tuo amico quadrupede e diventare spiacevoli ospiti della tua casa. Ecco i consigli del veterinario Luisa Cornegliani, per cuccioli sani e case pulite!

Sanihelp.it - Quello dell’infestazione da pulci, zecche e pidocchi è un problema spesso trascurato dai proprietari di cani e gatti, convinti che i propri animali non possano essere affetti da parassiti perché vivono in una casa pulita o perché non escono. In realtà queste condizioni non impediscono a cani e gatti di venire infestati: il davanzale, il tetto, il giardino, il pianerottolo e lo zerbino sono tutti probabili fonte di infestazione.

Il problema, comunque, è di facile soluzione: basta trattare regolarmente cane e gatto con un antiparassitario specifico contro pulci e zecche e seguire questi semplici consigli:

1. Scegliete un prodotto che sia in grado di eliminare sia le uova che le larve di pulci prima che infestino la casa. Infatti il 95% dell’infestazione si trova nell’ambiente sotto forma di uova, larve e pupe. Se non si interrompe il ciclo vitale del parassita, si dovrà attendere che tutte le uova e le larve disseminate nell’ambiente completino il loro sviluppo e aggrediscano il loro ospite, prima di eliminarle completamente. Così l’ambiente resterà infestato da uova e larve per settimane o anche mesi. 

2. Attenzione alle reinfestazioni: le pulci infatti possono essere veicolate dagli indumenti delle persone o da altri animali. 

3. Non riservate i trattamenti ai mesi estivi: il riscaldamento domestico crea un ambiente ideale per le pulci anche d’inverno. 

4. Non limitatevi a trattare solo il cane (perché esce di casa), trascurando il gatto: diventerebbe un serbatoio di infestazione. 

5. Scegliete un prodotto che pensi anche alla vostra salute. Un principio attivo le cui proprietà sono scientificamente testate è il Fipronil, che provvede a una prima eliminazione di pulci e zecche e continua a svolgere la sua azione antiparassitaria per almeno 30 giorni. Viene rilasciato naturalmente e a lungo, resistendo anche a bagni e a lavaggi con shampoo medicati. Così si evita il contatto diretto del proprietario con l’antiparassitario, salvaguardandone la salute. Il Fipronil è efficace anche nei confronti di pidocchi e alcuni acari della rogna, fornendo una protezione completa.

Un grosso passo avanti è stato fatto con l’impiego degli inibitori della crescita (IGR), molecole che mimano l’azione dell’ormone giovanile degli insetti, che si trova in concentrazioni piuttosto alte allo stadio larvale, ma che deve diminuire per permettere il passaggio della larva a pupa. Molto efficace su questo fronte è l’(S)–Methoprene, principio attivo che agisce sulle uova e le larve disseminate nell’ambiente, in modo da interrompere il loro ciclo vitale. Applicato sull’animale, agisce per contatto ed è efficace anche contro le pulci adulte: penetra nella cuticola dell'insetto e si concentra nelle ovaie delle femmine, ostacolando la deposizione delle uova e inibendo la schiusa di quelle già deposte.

Con un solo gesto è così possibile proteggere contemporaneamente sia gli animali, sia gli ambienti che dividiamo con loro, prevenendo al tempo stesso il rischio di eventuali reinfestazioni.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti