Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Terapia del dolore: bisogna fare di più

di
Pubblicato il: 16-04-2007
Sanihelp.it - Il dolore come sintomo o come malattia ancora oggi non è considerato e trattato. Se il malato è anziano o fragile, la situazione è ancora peggiore, sebbene le terapie non manchino. Lo ricordano tre studi degli ultimi mesi.

Nel primo, pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society, l’accento è stato posto sugli anziani residenti in case di riposo e non autosufficienti in quanto affetti da demenza: i geriatri della Northwestern University di Chicago hanno rilevato che il 54% riferiva tutti i giorni sintomi dolorosi non dovuti a un tumore, ma più del 46% non aveva ricevuto un trattamento adeguato.

Nel secondo studio, pubblicato sul Journal of Pain and Symptom Management, è stata sottolineata l’efficacia di una terapia multidisciplinare sul dolore da cancro nei malati terminali. I palliativisti del Koo Foundation Sun Yat-Sen Cancer Centre di Taipei, nell’isola di Taiwan, hanno compiuto un’analisi retrospettiva su oltre 700 pazienti, l’87% dei quali aveva riferito sintomi dolorosi durante la malattia. Il 79% di loro ha ricevuto una terapia non chirurgica per il controllo del dolore da cancro, mentre all’85% di quelli che riferivano dolore sono stati somministrati oppiacei. Alla fine, la maggior parte dei malati ha visto i propri sintomi attenuarsi fino a sparire (mantenersi cioè in un range da 0 a 4, secondo i punteggi più utilizzati), e il numero di coloro che ancora accusavano dolore grave (ossia con uno score compreso tra 5 e 10) rimanere in un intervallo compreso tra l’uno e l’11%.

Infine, anche la radioterapia può essere di grande aiuto nel controllo della sintomatologia di casi specifici come quello del tumore polmonare non a piccole cellule terminale. I radioterapisti dell’Università di Leiden, in Olanda, hanno mostrato che, confrontando schemi di minore intensità protratti per periodi più lunghi con altri più brevi ma con maggiori dosi di radiazioni, si ottiene un numero di settimane di sopravvivenza con una buona qualità di vita superiore (20, contro le 13,2 dei cicli più intensivi) e un allungamento della vita stessa, che passa da 27,4 a 38,1 settimane.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIOTE

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti