Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tutte le tipologie di olio di oliva

di
Pubblicato il: 18-04-2007

Quali e quante sono le tipologie di olio di oliva? In base a quale criterio vengono stabilite. Gli oli di oliva sono tutti commestibili?

Sanihelp.it - Dal 1 novembre 2003 è in vigore il regolamento Cee 1513/2001. secondo questa disposizione si possono distinguere 8 differenti tipologie di olio di oliva.
Quattro sono destinate al consumo diretto le altre alla raffinazione.

Il nostra attenzione riguarda chiaramente le tipologie commestibili: possiamo distinguere gli oli di oliva vergini da altri oli di oliva. Scopriamone insieme le differenze:

OLI DI OLIVA VERGINI
Sono quegli oli ottenuti dal frutto dell’olivo solo mediante processi meccanici o fisici senza causare alterazione dell’olio e senza far subire alcun trattamento diverso dal lavaggio, decantazione, centrifugazione e filtrazione.
Appartengono a questa categoria:

Olio extravergine di oliva: quell’olio che ha un’acidità libera espressa in acido oleico non superiore ai 0,8 grammi per 100 grammi

Olio di oliva vergine: quell’olio che ha un’acidità libera espressa in acido oleico non superiore ai 2 grammi per 100 grammi (non viene venduto al dettaglio)

ALTRI OLI DI OLIVA
Oli ottenuti con tecniche più complesse

Olio di oliva: composto da olio di oliva raffinato e olio di oliva vergine
L’acidità libera espressa in acido oleico di questo olio non deve essere superiore ai 1 grammo per 100 grammi

Olio di sansa di oliva: ottenuto dal taglio dell’olio di sansa di oliva raffinato e olio di oliva vergine diverso dal lampante. con un tenore di acidità libera espressa in acido oleico non superiore a 1 grammo per 100 grammi


Per quanto riguarda gli oli di oliva commercializzati come non commestibili abbiamo:

OLI DI OLIVA VERGINI
Olio di oliva vergine lampante: quell’olio che ha un’acidità libera espressa in acido oleico superiore ai 2 grammi per 100 grammi

ALTRI OLI DI OLIVA
Olio di oliva raffinato
: è quell’olio ottenuto dalla raffinazione dell’olio di oliva vergine con un tenore di acidità libera espressa in acido oleico non superiore ai 0,3 grammi per 100 grammi

Olio di sansa di oliva greggio: ottenuto dalla sansa di oliva mediante trattamento con solventi, oppure olio di oliva corrispondente all’olio di oliva lampante con determinate caratteristiche

Olio di sansa di oliva raffinato: olio ottenuto dalla raffinazione dell’olio di sansa di oliva. Con un tenore di acidità libera espressa in acido oleico non superiore ai 0,3 grammi per 100 grammi


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti